Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2016 alle ore 20:21

Attualità e Politica

02/12/2015 | 10:49

Slot, dal Tar Bolzano un altro sì al "distanziometro"

facebook twitter google pinterest
slot tar bolzano distanziometro

ROMA - Il Tar Bolzano ribadisce la legittimità del "distanziometro" per i locali provvisti di slot machine. I giudici amministrativi hanno rigettato il ricorso di un esercente a cui era stata intimata dal Comune la rimozione degli apparecchi poiché troppo vicino (a meno di 300 metri) da luoghi sensibili. La norma provinciale sul "distanziometro",secondo i giudici, ha basi fondate: "Il legislatore provinciale - si legge nella sentenza - non è intervenuto per contrastare e prevenire il gioco illegale (cioè per prevenire reati o mantenere l’ordine pubblico), né per disciplinare direttamente le modalità di installazione e di utilizzo degli apparecchi da gioco leciti e nemmeno per individuare i giochi leciti (materie riservate alla competenza del legislatore statale). E’ intervenuto per disporre la rimozione degli apparecchi da gioco in ragione della loro prossimità a determinati luoghi, che potrebbero, da un lato indurre al gioco soggetti psicologicamente più vulnerabili o immaturi e, dall’altro lato, creare problemi di viabilità e di inquinamento acustico delle aree interessate". Il Collegio sottolinea che il Tar "ha già avuto più volte occasione di chiarire che la norma provinciale che impone la rimozione degli apparecchi da gioco leciti non incide in alcun modo sul funzionamento della rete telematica dei giochi leciti", poiché gli apparecchi "possono essere installati in esercizi ubicati al di fuori delle aree sensibili, senza alcun pregiudizio per la rete telematica". La rimozione degli apparecchi, inoltre, tocca al titolare del negozio, e non ai proprietari o noleggiatori delle slot: "L'obbligo di rimuovere le slot colpisce, in via diretta, il titolare della licenza di pubblico esercizio, in quanto unico soggetto che ha la disponibilità esclusiva del locale. D’altra parte, l’Amministrazione comunale è del tutto estranea ai rapporti che legano i titolari delle licenze di esercizi pubblici con i proprietari/noleggiatori e con i concessionari dei giochi, che restano regolati dai rispettivi contratti". LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password