Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/07/2024 alle ore 18:15

Attualità e Politica

03/07/2023 | 17:45

Campania, al via l'Osservatorio regionale sul disturbo da gioco. EGP-Fipe: "Bene coinvolgere gli operatori della filiera nell'attività di prevenzione"

facebook twitter pinterest
Campania al via l'Osservatorio regionale sul disturbo da gioco. EGP Fipe: Bene coinvolgere gli operatori della filiera

ROMA - Formulare indirizzi e proposte alle istituzioni regionali per prevenire e curare il Disturbo da Gioco d'Azzardo, chiamando in causa per la prima volta a livello nazionale tutti gli attori coinvolti: delegati degli organi di Governo e consiliari, ASL regionali, ANCI, terzo settore sociale, concessionari e operatori dei giochi pubblici. Nasce con questo obiettivo l'Osservatorio regionale dedicato allo specifico tema, insediatosi oggi presso il Consiglio Regionale della Campania come previsto dalla L.R. 2 del 2020.

"La Legge regionale Campania colma finalmente un vuoto, quello della partecipazione degli operatori di filiera nella programmazione di politiche attive e nella definizione di strumenti efficaci per la prevenzione e il contrasto delle dipendenze e del gioco minorile." – dichiara il Presidente di EGP-FIPE, Emmanuele Cangianelli, rappresentante nell'Osservatorio delle organizzazioni di filiera di Confcommercio. 

"Con l'avvio dei lavori dell'Osservatorio e l'azione della Giunta regionale – prosegue Cangianelli – confidiamo in un miglioramento complessivo dell'offerta di gioco, mantenendo un solido perimetro di legalità nel settore e diffondendo, tra consumatori e operatori, la cultura del gioco responsabile e consapevole. Opportunità come questa, nate per mettere insieme diversi punti di vista e garantire un approccio multidisciplinare, sono fondamentali per ottenere risultati significativi."

"Crediamo sia un segnale importante, che arriva proprio nel momento in cui, anche a livello nazionale, ci si appresta a riordinare il settore; – conclude il Presidente di EGP-FIPE –   È quantomai prioritario rivedere gli attuali strumenti di prevenzione (come i distanziometri e le eccessive limitazioni orarie per alcuni prodotti di gioco) che, anche secondo autorevoli società scientifiche nazionali, non sembrano avere effetti positivi sui giocatori problematici. Dobbiamo orientarci su soluzioni nuove, come l'autoesclusione dal gioco. Solo così si possono valorizzare le responsabilità degli esercenti, creare opportunità di comunicazione sociale e supportare concretamente i soggetti problematici. Parallelamente, resta necessario mantenere sempre molto alta la guardia sul divieto di gioco ai minori".

RED/Agipro

Foto credits Pqsels CC0 1.0 Universal

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password