Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 25/06/2021 alle ore 12:35

Attualità e Politica

18/05/2021 | 12:30

Coronavirus, Confcommercio: "Ristori insufficienti per i pubblici esercizi, il 2021 sarà ancora un anno di fatturati in calo"

facebook twitter pinterest
Coronavirus Confcommercio Ristori pubblici esercizi fatturati

ROMA - A fronte delle restrizioni imposte dal Covid al settore dei pubblici esercizi, i ristori previsti dal governo sono stati insufficienti. Per l'89,2% degli imprenditori i sostegni sono stati poco (47,9%) o per nulla (41,3%) efficaci. È quanto emerge dal "Rapporto Ristorazione 2020" di Fipe-Confcommercio. Secondo gli intervistati da Fipe-Confcommercio, il 2021 sarà ancora un anno di fatturati in calo, mediamente del 20%. Per quanto riguarda il ritorno ai livelli di fatturato pre-Covid, il 72% degli intervistati si divide equamente tra chi lo ritiene possibile nel 2022 (36%) e chi invece prevede uno slittamento al 2023 (36%). Resta un 27% di pessimisti che ritiene plausibile un ritorno a pieno regime solo nel 2024. 
L'analisi di Fipe-Confcommercio «è una sorta di bollettino di guerra» per il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, intervenuto alla presentazione del Rapporto, che «è la testimonianza che tante imprese sono cadute al fronte, molte sono ferite e devono essere curate e messe in condizione di poter tornare all'attività».
RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password