Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/10/2020 alle ore 20:37

Attualità e Politica

08/04/2020 | 13:06

DL Cura Italia, via libera della Commissione Bilancio: al via la discussione in Senato, domani il voto di fiducia

facebook twitter google pinterest
DL Cura Italia Commissione Bilancio Senato fiducia

ROMA - Dopo il via libera in Commissione Bilancio, che ha votato il mandato al relatore Daniele Pesco (M5S), l'Aula del Senato ha avviato l'esame del DL Cura Italia: oggi è prevista la discussione generale e domani, a partire dalle 12.40, il voto di fiducia. La Commissione Bilancio ha concluso nella notte l'esame degli emendamenti e questa mattina è passata alla discussione dei numerosi ordini del giorno, che il Governo dovrebbe prendere in considerazione nella stesura del cosiddetto Decreto Aprile, che dovrebbe approdare in Consiglio dei Ministri entro Pasqua. Il DL Cura Italia prevede la sospensione dei termini di versamento del Preu per slot e videolottery e la facoltà di rateizzazione del canone concessorio, la proroga di sei mesi per le gare scommesse e bingo, per la gara per gli apparecchi da intrattenimento e per l’entrata in vigore del Registro Unico del gioco, la sospensione del canone di concessione per le sale bingo rimaste chiuse,  alcune misure fiscali di sostegno per coloro che gestiscono ricevitorie del lotto, lotterie, scommesse e apparecchi da gioco e uno stanziamento di 8 milioni per il salario accessorio del personale ADM. 

Per quanto riguarda il settore giochi, non è stata approvata alcuna proposta di modifice nel corso dell'esame in Commissione Bilancio. Inoltre, il Governo aveva presentato alcuni emendamenti per introdurre alcune modifiche di coordinamento del testo e razionalizzare le disposizioni intervenute nell'attuale situazione di emergenza sanitaria, oltre a un emendamento per prorogare i vertici dell'AGCOM «fino a non oltre i 60 giorni successivi alla data di cessazione dello stato di emergenza» di sei mesi, con i compiti del Presidente e del Consiglio che non saranno più limitati esclusivamente «agli atti di ordinaria amministrazione e a quelli indifferibili e urgenti».
La discussione generale sulla questione di fiducia inizierà alle 10 di domani e proseguirà per circa un'ora, poi ci saranno le dichiarazioni di voto e a seguire la chiama a partire dalle 12.40: il voto di fiducia si svolgerà in modo scaglionato, con i senatori che saranno ammessi cinque alla volta in Aula e voteranno dal proprio posto, anzichè sfilare davanti al banco della presidenza. Dopo il via libera del Senato, il DL Cura Italia sarà trasmesso alla Camera: secondo il calendario approvato dalla conferenza dei capigruppo di Montecitorio, il testo approderà in Aula nella settimana da lunedì 20 a venerdì 24 aprile. Il provvedimento deve essere convertito in legge, pena la sua decadenza, entro il 30 aprile.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password