Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/10/2020 alle ore 21:06

Attualità e Politica

23/09/2020 | 08:30

Decreto Agosto, Senato: segnalato emendamento Pittella (PD) per riallineare al 2022 le concessioni dei giochi retail e online

facebook twitter google pinterest
Decreto Agosto Senato emendamento Pittella PD concessioni gioch

ROMA - Sono 867 gli emendamenti segnalati dai gruppi parlamentari al Decreto Agosto, all'esame della Commissione Bilancio del Senato: tra questi figura l'emendamento del senatore Gianni Pittella (PD), che propone di riallineare al 2022 le concessioni dei giochi retail e online, a causa «della straordinarietà ed imprevedibilità dell'emergenza epidemiologica Covid-19». Il senatore ha proposto di prorogare di 18 mesi le concessioni per tutti i giochi (slot e VLT, scommesse, bingo) e di estendere fino al 31 dicembre 2022 le concessioni per il gioco online, «a fronte della corresponsione di una somma di 2.800 euro per ciascun mese». Sullo stesso tema, segnalato anche l'emendamento Pichetto Fratin; il senatore di Forza Italia ha sottoposto alla Commissione Bilancio anche la sua proposta per rafforzare il contrasto al gioco minorile, permettendo l'accesso ai locali che ospitano slot e Vlt «oltre che con la tessera sanitaria, anche mediante l'esibizione e la verifica di documenti personali di riconoscimento» (e in caso di violazione delle norme, prevedendo una «sanzione amministrativa pari a 15mila euro per ciascun apparecchio utilizzato»). 

Tra gli emendamenti segnalati c'è anche la proposta senatrice Laura Bottici (M5S), che chiede di riscrivere la norma del Decreto Agosto che offre all'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli la possibilità di costituire «una apposita società, di cui l'Agenzia è socio unico», per occuparsi di servizi di «certificazione di qualità dei prodotti» e dell'«uso del certificato del bollino di qualità». Sulla lotteria degli scontrini, segnalato l'emendamento del senatore Alan Ferrari (PD) che propone che «nel caso in cui i dati dei corrispettivi siano stati correttamente memorizzati dall'esercente, ma non risultino disponibili per l'Agenzia delle Entrate», un «provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, d'intesa con il direttore dell'Agenzia delle Entrate» stabilisca «le modalità e i termini per il recupero dei corrispettivi», per consentire «la loro partecipazione alla prima estrazione successiva al corretto ricevimento dei dati».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password