Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/07/2021 alle ore 20:44

Attualità e Politica

18/02/2021 | 10:07

Decreto Milleproroghe, Camera: rush finale nelle Commissioni, da domani al voto gli emendamenti su canoni delle agenzie di scommesse, rinnovo garanzie per gli operatori e salva-Campione

facebook twitter pinterest
Decreto Milleproroghe Camera Commissioni emendamenti

ROMA - Rush finale nelle Commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera, impegnate nell'esame del Decreto Milleproroghe. Il testo è atteso in Aula lunedì 22 febbraio e da domani comincerà il voto degli emendamenti segnalati dai gruppi parlamentari, con l'obiettivo di concludere l'esame e di votare il mandato ai relatori - Giuseppe Brescia (M5S) e Fabio Melilli (Pd) - entro sabato. Per il settore giochi restano in piedi una manciata di proposte di modifica, tra cui la sospensione dell'obbligo di rinnovo delle garanzie per gli operatori dei giochi, la riduzione dei canoni di concessione delle agenzie di scommesse e la proroga degli aumenti del preu.

GARANZIE OPERATORI - Tra i segnalati, c'è l'emendamento di Mauro D'Attis (Forza Italia) che chiede di sospendere, fino al 31 dicembre 2021, l’obbligo di «prestare le garanzie relative all’obbligo di riversamento dell’importo residuo della raccolta, rispetto alle scadenze contrattualmente stabilite», per gli operatori del settore giochi.

CANONI AGENZIE SCOMMESSE - Con un altro emendamento segnalato per il voto delle Commissioni, D'Attis propone di rideterminare, «secondo criteri di riduzione proporzionale, le somme effettivamente dovute a titolo di canone di concessione per il primo semestre del 2020 e per il primo semestre del 2021», tenendo conto «dei giorni di effettiva operatività nel corso del periodo emergenziale dei negozi e punti di gioco sportivi e ippici».

PREU APPARECCHI - Segnalato l'emendamento di Giorgio Mulè (Forza Italia) che fissa il preu «al 23,85% sino al 31 dicembre 2022 e al 24% a decorrere dal 1° gennaio 2023» per le slot e «all'8,50% sino al 31 dicembre 2022 e all'8,60%, a decorrere dal 1° gennaio 2023» per le vlt. La copertura finanziaria, valutata in «330 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022» è assicurata dalla «corrispondente riduzione del fondo» per il reddito di cittadinanza.

SALVA-CAMPIONE - Sarà sottoposto al voto delle Commissioni anche l'emendamento di Chiara Braga (PD), Alessio Butti (Fratelli d'Italia) e Giovanni Currò (M5S) che fa slittare al 31 marzo 2021 il termine per la revisione dello statuto della società del casinò di Campione e abroga le disposizioni in merito alla quantificazione del contributo che deve essere annualmente costituito a valere sui proventi della casa da gioco. 

LOTTERIA SCONTRINI - Infine, sono stati segnalati tre emendamenti per rinviare la lotteria degli scontrini a prima firma di Mariastella Gelmini (Forza Italia), Nicola Grimaldi (M5S) e Massimo Garavaglia (Lega), mentre Emanuele Prisco (Fratelli d'Italia) ne chiede invece la soppressione.

MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password