Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/06/2024 alle ore 13:02

Attualità e Politica

21/07/2023 | 10:45

Delega fiscale, Servizio Bilancio Senato: "Superare frammentazione normativa degli enti locali potrebbe avere effetti positivi su raccolta ed entrate"

facebook twitter pinterest
Delega fiscale Servizio Bilancio Senato

ROMA - "Superare l’attuale copiosa normativa, regionale e comunale, di definizione di limiti alla collocazione dei punti di raccolta del gioco pubblico sui territori di competenza e di limitazione dei relativi orari di apertura al pubblico" permetterà "agli investitori di programmare le proprie attività" e "potrebbe avere effetti positivi sulla raccolta e sui correlati proventi erariali". Lo scrivono i tecnici del Servizio Bilancio del Senato nel dossier che accompagna la delega fiscale, secondo cui "la definizione di regole trasparenti e uniformi per l’intero territorio nazionale" potrebbe avere "effetti finanziari positivi, che potranno essere valutati in base alle misure che saranno declinate nel decreto legislativo" e "in base alle conseguenti, prevedibili, ricadute in termini di raccolta dei giochi", si legge ancora nel dossier. "La disciplina dell’erogazione di servizi esclusivamente accessori al gioco a distanza presso luoghi fisici dovrebbe comportare una diminuzione della raccolta illegale, ove presente, e una riconduzione della raccolta irregolare verso canali autorizzati", sottolineano ancora i tecnici.
Con riferimento agli aspetti di natura finanziaria, "si stima che dall’attuazione delle previsioni normative non derivino effetti negativi per il bilancio dello Stato in termini di minori entrate, tenuto conto che vengono enunciati principi generali sulle fonti di disciplina del gioco pubblico, che non incidono direttamente sui proventi erariali del settore".

Anche dalle norme che "hanno ad oggetto la razionalizzazione e l’efficientamento di disposizioni che non operano sulla fiscalità del settore" i tecnici rilevano che "non derivano al momento effetti negativi per il bilancio dello Stato in termini di minori entrate", tenuto conto che "sono finalizzate ad offrire una maggiore specializzazione degli operatori, con l’introduzione di un titolo abilitativo ed una miglior tutela dell’ordine e della sicurezza pubblici".
Anche alla richiesta di requisiti di onorabilità e di affidabilità per una platea di soggetti più ampia di quella oggi normativamente prevista "potrebbe corrispondere o una maggiore probabilità di contrattualizzare solo soggetti virtuosi, con minor rischio di condotte fraudolente o ostative delle attività accertative e di riscossione dei crediti erariali, o una 'fuga' del segmento verso il mercato illegale". L’obiettivo della legge delega "è procedere ad un riordino delle disposizioni normative, ad un’armonizzazione e ad un riequilibrio delle aliquote erariali, degli aggi e delle percentuali destinate alle vincite: dovendo garantire, quantomeno, l’invarianza di gettito, si dovrà operare contemporaneamente sui diversi ambiti, intervenendo su tutte le componenti tributarie e riequilibrando il carico impositivo fra i diversi giochi in modo complessivo. Viene, inoltre, fissato il principio della certezza del prelievo fiscale, garantendo per l’intera durata delle concessioni una pressione fiscale definita e proporzionata agli investimenti effettuati.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password