Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/03/2023 alle ore 15:42

Attualità e Politica

14/03/2023 | 15:12

Enada, Pucci (As.tro): “Riordino giochi vale miliardi, subito un tavolo tecnico con operatori, enti locali e terzo settore”

facebook twitter pinterest
Enada Pucci (As.tro): “Riordino giochi vale miliardi subito un tavolo tecnico con operatori enti locali e terzo settore”

ROMA – La legge sul riordino del settore del gioco “vale miliardi di euro” e non può essere portata a termine senza il coinvolgimento di “tutte le parti della filiera”, a partire dalle associazioni che devono essere “unite” per presentare proposte condivise. Lo ha detto Massimiliano Pucci, presidente di As.tro, durante il convegno 'Il ruolo strategico della distribuzione territoriale e della filiera nel sistema concessorio italiano. Emergenza Marche e non solo” organizzato da SAPAR nell’ambito di Enada Rimini. La bozza della delega fiscale sul riordino, però, appare ancora alle prime battute, il lavoro da fare è molto. “C'è tutto e il contrario di tutto – ha detto Pucci - ma ci sono sicuramente dei principi condivisibili. Dobbiamo creare un tavolo tecnico, con tutte le parti in causa: associazioni, terzo settore, enti locali, territori”. Una riforma attenta e fatta bene, secondo Pucci, può “fare bene alla politica e a tutto il nostro settore.  Ci giochiamo 70-80 miliardi e 150 mila posti di lavoro nei prossimi anni, mi auguro che nel 2023 si apra la discussione sul riordino. Siamo ancora esclusi in gran parte dalle discussioni sull'economia. Una discussione condivisa da tutte lòe parti in causa sarebbe il miglior punto di partenza per un riordino attento alle esigenze indicate nella bozza della delega. C'è tanto lavoro da fare”. “La riforma deve comprendere aspetti erariali, tutela dei consumatori, legalità: non vedo come questi obiettivi possano essere centrati se si dovesse procedere all’abolizione dell’offerta dai generalisti. Se ciò dovesse accadere, faremmo un danno all’erario, non risolveremmo il tema della ludopatia visto che nei bar il gioco è “light” e – infine – faremmo un enorme regalo alle organizzazioni criminali, che avrebbero 80mila punti vendita da aggredire. E’ il punto che mi preme di più, come se volessimo sconfiggere l’usura e chiudessimo le filiali bancarie”, ha aggiunto. Il settore "esiste sui territori, in tutta Italia. Il lavoro a Roma non basta. Abbiamo fatto 174 interventi in un anno sulle normative locali, da Aosta alla Sicilia", ha concluso.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Open Fiber e AS Roma: in rete a 10 gigabit al secondo

Open Fiber e AS Roma: in rete a 10 gigabit al secondo

23/03/2023 | 14:00 ROMA - Open Fiber, l’azienda che sta realizzando in tutta Italia un’infrastruttura a banda ultra larga, è Official Partner di AS Roma. In base all’accordo sottoscritto, OF porterà connettività...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password