Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 11/07/2020 alle ore 20:57

Attualità e Politica

28/05/2020 | 09:31

Fase 2, Angiola (Misto) a Conte: "Riaprire urgentemente attività di gioco"

facebook twitter google pinterest
Fase 2 Angiola Misto Conte gioco

ROMA - Riaprire «urgentemente» e «adottare o promuovere misure e protocolli» già utilizzati per «altri settori produttivi», per «consentire in questo momento di crisi la ripartenza di tutte le attività, come quelle del gioco pubblico che, nel rispetto della legislazione vigente, operavano in Italia prima del confinamento». E' la richiesta del deputato pugliese Nunzio Angiola del Gruppo Misto, che ha presentato un'interrogazione scritta al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Mentre «hanno già riaperto centri estetici e parrucchieri e stanno riaprendo anche piscine e palestre - una serie di ambienti in cui i rischi di contagio sono assai più evidenti rispetto a quelli di un ambiente di gioco - sono ancora sospese le attività di sale giochi, sale bingo e quelle per la raccolta delle scommesse e non si può giocare o scommettere (su eventi sportivi e non sportivi, anche se simulati) nemmeno negli esercizi per i quali non c'è l'obbligo di chiusura», spiega. «Non si sta discutendo se un settore produttivo come quello del gioco pubblico e dei punti vendita di gioco attivi in forza di una concessione governativa debba essere mantenuto o smantellato» e «non è all'ordine del giorno la discussione sulla soppressione o sul mantenimento di migliaia di esercizi che danno lavoro a 150 mila persone in Italia», continua. Inoltre, «le aziende del settore del gioco pubblico e dei punti vendita di gioco attivi in forza di una concessione governativa non dispongono ancora di un protocollo ufficiale, ma potrebbero certamente averne uno che preveda, tra le altre cose, il rilevamento di temperatura e la tenuta di un registro delle presenze, al fine di permettere ai proprietari di sale oltre una certa metratura di far sostare i clienti all'interno del proprio locale». Per questo, Angiola ribadisce che tuttora «non è all'ordine del giorno alcuna discussione sull'idea che si ha del futuro di questo settore produttivo e di questo tipo di esercizi commerciali che il Parlamento o il Governo potranno analizzare quando ciò verrà ritenuto opportuno» e chiede al premier Conte «se non intenda urgentemente consentire in questo momento di crisi la ripartenza delle attività di gioco pubblico».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

giochi agipronews notizie settimana scommesse

Giochi, la settimana in un clic

10/07/2020 | 17:52 LUNEDI' 6 LUGLIO Entrate tributarie, effetto Covid – Nel periodo gennaio-maggio 2020 le entrate totali relative ai giochi hanno accusato un calo del 41% rispetto all'anno scorso. È quanto emerge dal report del...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password