Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/10/2019 alle ore 21:25

Attualità e Politica

26/09/2019 | 11:07

Giochi, Baldazzi (Eurispes): "Distanziometro inefficace dal punto di vista clinico, serve solo a estromettere il gioco legale"

facebook twitter google pinterest
Giochi Baldazzi Eurispes

ROMA - «Il distanziometro e la compressione degli orari, secondo l'Eurispes, sono inefficaci e assolutamente controproducenti. Il distanziometro non ha nessuna declinazione clinica, non ha nessuna dimensione medica (e su questo siamo stati confortati dai dati dell'Istituto Superiore di Sanità) e, soprattutto, non ha nessuna possibilità di realizzazione concreta». Lo ha detto Alberto Baldazzi, vicedirettore della ricerca dell'Eurispes sul gioco, durante il convegno "Il Gioco in Italia: tra criticità e opportunità", in corso a Roma.
«Abbiamo dovuto produrre le mappature dei territori, in Piemonte o anche in Puglia, per dimostrare che col distanziometro non c'era praticamente più spazio per il gioco legale», ha sottolineato. «Le Regioni hanno firmato l'intesa con lo Stato, ma hanno disatteso quanto previsto», ha ricordato. «Ora però si stanno rendendo conto che il distanziometro esclude il gioco legale sul territorio, nella misura anche del 99% nei grandi centri, e alcune stanno tornando sui propri passi, come è avvenuto per la Puglia. Discorso simile anche per la compressione degli orari, un elemento che invece incrementa la compulsività: in questo segmento non è mai stata realizzata una ricerca in campo clinico. Esiste un problema di dipendenza dal gioco, ma gli strumenti messi in campo (distanziometro e limiti orari, ndr) non servono a combatterla. Bisogna mettere in campo altri strumenti, come l'autoesclusione, ma serve soprattutto un salto culturale».


MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

notizie agipronews giochi slot scommesse de siervo manovra

Giochi, la settimana in un clic

18/10/2019 | 16:32 LUNEDI' 14 OTTOBRE Politica e giochi - Certamente le leggi regionali vanno impugnate nel momento in cui non tutelano la salute pubblica. Mi sto attivando perché la legge regionale del Veneto sul gioco possa essere impugnata...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password