Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/02/2024 alle ore 20:45

Attualità e Politica

02/05/2023 | 13:47

Giochi, Tar Puglia: doppia svista al Comune di Racale (LE), la tabaccheria vicino alla chiesa manterrà le slot machine

facebook twitter pinterest
Giochi Tar Puglia: doppia svista al Comune di Racale (LE) la tabaccheria vicino alla chiesa manterrà le slot machine

ROMA - Una doppia svista al Comune di Racale (LE) consentirà a una tabaccheria del luogo di mantenere attive le slot machine al suo interno, nonostante la prossimità a una chiesa. È quanto emerge dalla sentenza del Tar Puglia pubblicata oggi, con la quale è stato accolto il ricorso presentato dalla società titolare del locale. La vicenda era iniziata a marzo 2022, quando il Comune aveva annullato d'ufficio l'autorizzazione concessa nel 2020 alla tabaccheria per l'"esercizio di attività di sala giochi". L'annullamento era sopraggiunto perché il locale risultava troppo vicino a una chiesa, dunque in violazione del "distanziometro" regionale che prevede almeno 250 metri tra attività di gioco e luoghi sensibili come scuole o strutture sanitarie.
Il Collegio ha però ritenuto fondato il ricorso «in relazione alla dedotta violazione e falsa applicazione» delle disposizioni contenute nella legge sul procedimento amministrativo del 1990. All'articolo 21-nonies la norma prevede infatti l'annullamento d'ufficio di provvedimenti adottati in violazione di legge, tuttavia tale possibilità deve realizzarsi «entro un termine ragionevole, comunque non superiore a dodici mesi dal momento dell'adozione dei provvedimenti di autorizzazione o di attribuzione di vantaggi economici». In questo caso, invece, «è evidente la violazione del termine ultimo di dodici mesi».
Il Tar conclude che il ritardo dell'annullamento d’ufficio non è giustificato dalla «ipotetica falsità delle dichiarazioni o delle rappresentazioni» che portarono all'autorizzazione, circostanza che avrebbe consentito il superamento del termine di dodici mesi. In questo caso tuttavia, non risulta che il via libera risalente al 2020 sia stato ottenuto sulla base di dichiarazioni non veritiere.
RED/Agipro

Foto credits wp paarz/Flickr CC BY-SA 2.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password