Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/04/2020 alle ore 20:24

Attualità e Politica

31/05/2019 | 14:00

Giochi, Villarosa (MEF) laconico su Facebook: "Ci stiamo lavorando"

facebook twitter google pinterest
Giochi Villarosa MEF Facebook

ROMA - «Ci stiamo lavorando»: così il sottosegretario all'Economia con delega ai giochi, Alessio Villarosa, si limita a rispondere su Facebook al post di un utente che criticava l'approccio del Governo sul settore del gioco. «Lottate contro la ludopatia, volete togliere le slot dai luoghi sensibili (e lo Stato ci guadagna 6 milioni di euro) e 150mila lavoratori del settore dovrebbero successivamente trovare posto di lavoro o chiedere reddito di cittadinanza che è sovvenzionato proprio dal settore giochi. Prima si accettavano slogan, ora non più. Noi abbiamo bisogno di certezze. 150 mila lavoratori che mantengono famiglie e che non vi hanno votati. Si faccia due conti», ha scritto l'utente rivolgendosi al sottosegretario. «Non potete abolire (perché con il distanziometro quello si fa) un settore dove ci guadagna quasi tutto lo Stato. Lei ha avuto un incarico importante: sa per caso rispondermi su un milione di euro giocato, quanto viene restituito al giocatore, quanto ci guadagna il concessionario, quanto l’esercente e quanto lo Stato? Abbiate l’umiltà di informarvi in merito prima di prendere delle decisioni», continua. «Sono convinto che non mi risponderà perché pensa che questo tema caldo della ludopatia fa perdere consenso elettorale, ma in realtà non ha neanche la piu pallida idea di quanto consenso abbiate perso. Bar, tabacchi, sale giochi, sale slots, sale vlt, negozi gioco, bingo e tutto il personale di cui necessità tale settore». Il sottosegretario VIllarosa liquida questo lungo post di denuncia dell'utente con un laconico «ci stiamo lavorando», senza ulteriori dettagli.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

notizie settimana agipronews slot coronavirus scommesse giochi

Giochi, la settimana in un clic

03/04/2020 | 18:47 LUNEDI' 30 MARZO Game Over – L'Agenzia Dogane e Monopoli stoppa la raccolta di tutti i giochi fisici, tranne il Gratta& Vinci. Il provvedimento, nell'ambito delle misure di contrasto al coronavirus, arriva dopo...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password