Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 28/06/2022 alle ore 08:30

Attualità e Politica

31/05/2022 | 10:22

Giochi e banche, Martino (Forza Italia) al MEF: "Aziende del settore legale sono discriminate, il Governo intervenga"

facebook twitter pinterest
Giochi banche Martino Forza Italia MEF aziende legale sono discriminate Governo

ROMA - «Nelle ultime settimane, vari istituti bancari hanno comunicato a più imprese di gestione di apparecchi del gioco lecito l'interruzione del contratto in essere per la tenuta del conto corrente», perchè non vogliono «intrattenere rapporti con 'soggetti la cui attività prevalente risulti essere connessa al gioco legale dello Stato'»: questo comportamento delle banche «pare discriminare i clienti in relazione all'attività commerciale da loro svolta». È la denuncia del deputato di Forza Italia, Antonio Martino, che chiede in un'interrogazione al ministro dell'Economia «quali iniziative di competenza, anche normative, intenda mettere in atto il Governo affinché questa discriminazione non sia più perpetrata, evitando che possa essere messa a rischio l'esistenza di un settore che per l'anno 2018 ha garantito più di sei miliardi di euro di gettito erariale».
Per il versamento del prelievo erariale unico, «le imprese di gestione del gioco di Stato che versano l'imposta hanno necessità di disporre di un conto corrente bancario», pena «il blocco immediato degli apparecchi, la successiva segnalazione all'Agenzia delle dogane e dei monopoli e la conseguente risoluzione contrattuale da parte del concessionario», che avrebbe «come effetto la chiusura delle piccole e medie imprese di gestione», spiega Martino, chiedendo quindi al Mef che «il problema esposto venga risolto».
MSC/Agipro

Foto credits: Quirinale.it

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Decreto Pnrr Camera: domani il voto di fiducia alle 15.45

Decreto Pnrr, Camera: domani il voto di fiducia alle 15.45

27/06/2022 | 16:26 ROMA - La votazione sulla fiducia posta dal governo alla Camera sul dl Pnrr bis si terrà domani alle 15.45, con dichiarazioni di voto a partire dalle 14. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. Dopo il voto...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password