Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/04/2024 alle ore 13:02

Attualità e Politica

01/09/2023 | 18:15

Giochi in Emilia Romagna, da Consiglio di Stato stop a una sala di Ravenna: “Anche i cinema sono luoghi sensibili”

facebook twitter pinterest
Giochi in Emilia Romagna da Consiglio di Stato stop a una sala di Ravenna: “Anche i cinema sono luoghi sensibili”

ROMA – Anche i cinema sono configurabili come luoghi sensibili. A ribadirlo è il Consiglio di Stato, nel respingere l'appello del gestore di una sala di Ravenna, confermando quanto già affermato dal Tar dell'Emilia Romagna. Al centro della questione la legge regionale del 2013 sul distanziometro, che vieta l'installazione di apparecchi da gioco a meno di 500 metri da determinati luoghi sensibili, in questo caso una sala cinematografica. I giudici spiegano che la delibera del Consiglio Comunale di Ravenna “ha inteso semplicemente specificare che, tra i luoghi di aggregazione che offrono attività di richiamo per minori e adolescenti, sono ricompresi anche tali locali che, per un dato di comune esperienza, sono infatti particolarmente frequentati dai giovani”. Proprio per questo tali luoghi devono essere “tenuti in considerazione per il rispetto delle distanze minime delle sale da gioco”. In risposta alla tesi secondo cui i minori di 18 anni sarebbero già sufficientemente tutelati dal divieto di ingresso nelle sale, Palazzo Spada afferma che “tra i luoghi sensibili la legge prevede anche tutti gli istituti scolastici, che sono frequentati in maggioranza da studenti ancora minorenni”. La specificazione delle sale cinematografiche tra i luoghi sensibili, effettuata nella deliberazione del Comune di Ravenna, rappresenta “una quanto mai opportuna precisazione in rapporto ad uno dei posti di frequentazione più utilizzato dai giovani, senza che osti a tale conclusione il fatto che i relativi locali possano essere frequentati anche da altri soggetti di diversa età o persino dalla collettività indifferenziata”. Per questo il Consiglio di Stato ha rigettato l'appello del gestore, confermando che la sala dovrà chiudere.

GM/Agipro

Foto credits Sailko CC BY 3.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password