Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 12/11/2019 alle ore 19:05

Attualità e Politica

08/10/2019 | 16:15

Gioco e antiriciclaggio, Ferracci (resp. Aml Sepah Bank): "A rischio diversi settori del gaming"

facebook twitter google pinterest
Gioco antiriciclaggio Ferracci

ROMA - L’avvocato Vallefuoco – dello Studio Legale Vallefuoco & Associati – ha affontato il tema delle criptovalute e il rapporto tra queste ultime e le società di giochi con sede all’estero, oltre alle modifiche del sistema sanzionatorio previsto dalla V Direttiva Europea.  Massimo Ferracci - Responsabile Aml di Sepah Bank – ha illustrato il tema delle disposizioni sull’adeguata verifica della clientela, a cui tutti i soggetti obbligati – comprese le società di gaming – dovranno adeguarsi entro il primo gennaio 2020. «In base all’approccio “risk based”, il provvedimento emanato da Bankitalia il 30 luglio scorso prevede da un lato misure semplificate di adeguata verifica, dall’altro obblighi rafforzati di adeguata verifica, da utilizzare in caso di rischio alto, che si esplica con l’acquisizione di maggiori informazioni sul cliente e sul titolare effettivo, una valutazione più accurata della natura e dello scopo del rapporto. L’adeguata verifica rafforzata è applicata anche alle persone politicamente esposte (PEP), considerate a più alto rischio di riciclaggio in quanto maggiormente esposte a potenziali fenomeni di corruzione», ha detto nel corso della tavola rotonda sulle principali novità della V Direttiva Ue e sui conseguenti riflessi per i destinatari degli obblighi. Commentando gli ambiti di maggior rischio nel settore giochi, Ferracci ha fatto riferimento all’attività dei centri scommesse esteri privi di concessione, le cui poste dei giocatori vengono acquisite in denaro contante o tramite assegni consegnati – senza verifica antiriciclaggio. «Anche le sale Bingo continuano a rappresentare un settore di interesse per le mafie, come avviene anche per il business delle corse ippiche. Esiste infine la prassi di “ripulire” il denaro mediante false vincite di concorsi e lotterie, acquisendo dai vincitori a prezzi maggiorati il tagliando vincente, allo scopo di giustificare proventi oggetto di accertamento o sequestro». Il coordinamento della tavola rotonda è stato affidato a Tiziana Ballarini, PWC TLS avvocati e commercialisti e presidente della Asso AML. Poco prima dell’evento, il direttore della Scuola Sergio Silvestri e il Ceo di EM-RISK Servizi Italia, Enrico Ciprian, hanno inaugurato il ventitreesimo anno accademico della “European School of banking management”.
NT/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password