Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/09/2022 alle ore 19:00

Attualità e Politica

26/05/2022 | 16:00

Gioco online: punti vendita ricariche (Pvr), il documento dell’Agenzia delle Dogane fa discutere ma nessun grande operatore farà ricorso

facebook twitter pinterest
Gioco online: punti vendita ricariche (Pvr) il documento dell’Agenzia delle Dogane fa discutere ma nessun grande operatore farà ricorso

ROMA - Sorpresa, sconcerto (in alcuni), ma alla fine consapevolezza che fosse l’unica strada percorribile per rimettere ordine nella raccolta delle scommesse. La circolare dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli, che qualche giorno fa ha messo insieme oneri e parametri che i concessionari dovranno rispettare per la corretta gestione dei punti vendita ricariche (Pvr), ha dato una bella scossa al mercato. Tante le riunioni, le call, gli scambi di idee in questi giorni post-circolare. Alla fine lo scenario che Agipronews – la prima agenzia ad aver rivelato le intenzioni del Mef in materia di Pvr - è in grado di disegnare è più lineare del previsto. I “Top 5” del mercato delle scommesse e del gioco online – al di là di qualche dubbio interpretativo e di qualche legittima domanda sui contenuti del documento – non si opporranno alla circolare di Adm né hanno intenzione di impugnarla in tribunale. Una posizione molto apprezzata dal regolatore, apprende Agipronews. D’altronde, nessuno dei grandi gruppi che dominano il settore ha sviluppato una linea di business imperniata sui Pvr. Al contrario, tanti concessionari piccoli e medi intravedono il rischio di una contrazione dei propri ricavi e per questo non si esclude il ricorso al Tribunale amministrativo: numerose sono le limitazioni ribadite da Adm – in un documento che a piazza Mastai definiscono “rivoluzionario” – a partire dallo stop alla “giocata assistita” e al conto intestato al gestore, uno dei più utilizzati strumenti di intermediazione.

La serie di divieti è lunga, anche se gli operatori principali sottolineano che tutte – ma proprio tutte – le norme inserite nella circolare sono già in vigore da anni e che quindi non rappresentino una novità. Leggere nero su bianco l’elenco delle prescrizioni ha avuto però un effetto dirompente, in ogni caso: Adm ha stabilito lo stop all’utilizzo nei Pvr di apparecchiature che, attraverso la connessione telematica, “consentano ai clienti di giocare“, così come al pagamento delle vincite anche tramite apparecchiature automatiche. Due punti sui quali gli operatori di gioco si interrogano, vista l’ampia diffusione di smartphone e mezzi di pagamento super-tecnologici, e che saranno probabilmente chiariti nelle prossime settimane. La posizione di Adm appare stavolta chiarissima: l’esercizio commerciale non può essere allestito “come se fosse un punto vendita della rete fisica del gioco”, con il conseguente divieto di mettere a disposizione degli avventori qualunque materiale cartaceo nel quale vi sia un richiamo esplicito ad eventi di gioco, a palinsesti e a quote di gioco. Insomma, una stretta vera e propria, di cui si vedranno gli effetti nei prossimi mesi, quando si passerà alla fase dei controlli e delle eventuali sanzioni. Di fatto, Adm ha ribadito che – nel rispetto del principio della netta separazione tra l’offerta di gioco a distanza e su rete fisica – sono consentite la sottoscrizione dei contratti di conto di gioco e la vendita di carte di ricarica del conto di gioco presso esercizi commerciali (in cui il Pvr deve essere solo un’attività accessoria) con cui il concessionario abbia stipulato un apposito contratto. Niente di nuovo, al tirar delle somme, ma una parte del mercato – negli ultimi anni – aveva preso un’altra direzione.

NT/Agipro

Foto credits Santeri Viinamäki/Wikimedia Commons/CC BY-SA 4.0

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Giochi ADM: distrutti 45 apparecchi illeciti

Giochi, ADM: distrutti 45 apparecchi illeciti

27/09/2022 | 17:05 ROMA - L’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli in servizio presso l'Ufficio dei Monopoli per l’Abruzzo, insieme alle forze di polizia operanti sul territorio della regione, ha distrutto – si legge...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password