Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/02/2024 alle ore 21:08

Attualità e Politica

14/12/2023 | 14:47

Riordino online, sette milioni per una licenza? In Europa funziona così: in Grecia costa 5 milioni, in Francia è gratis ma tassazione impossibile

facebook twitter pinterest
Riordino online sette milioni per una licenza In Europa funziona così: in Grecia costa 5 milioni in Francia è gratis ma tassazione impossibile

ROMA - Sette milioni per una concessione online – come prevede la bozza di riordino del settore online - sono troppi? E’ uno dei punti caldi del confronto tra Governo e industria del gioco: le associazioni - anche ieri sera alla Camera – hanno sottolineato che solo 20 operatori sugli attuali 83 (dati Cgia Mestre) potrebbero partecipare ad un bando di gara costruito su quella cifra. Altre stime – rese note da Ficom Leisure – riferiscono invece di 22/27 operatori in grado di aggiudicarsi la licenza. Ma come funziona in giro per l’Europa l’acquisto di una licenza online? L’esempio più vicino a noi – e più simile per struttura di mercato (concessione statale e mercato aperto, anche se solo 10 milioni di abitanti con capacità di spesa inferiore all’Italia) - è la Grecia, dove una licenza online completa costa 5 milioni di euro, 3 per le scommesse e 2 per i casinò games, con una tassazione però più pesante. Il resto d’Europa si muove a macchia di leopardo: in Inghilterra – in un mercato ultracompetitivo con moltissimi operatori online - siamo vicini al milione di euro ma ogni volta che il business supera determinati scaglioni di raccolta, il costo annuale sale di 200.000 euro, oltre a una “iscrizione” per richiedere la licenza pari a 100.000 euro. In mezzo, gli stati federali di Germania e Spagna, laddove il costo di una licenza è stabilito dallo Stato e dai “Lander” o dalle “Comunidad”. All’altro estremo dell’Europa che gioca online, c’è la Francia: licenze gratis (proprio così) ma i giochi ammessi sono solo poker, scommesse sportive e ippiche – niente casinò dunque – ma con una tassazione inaccessibile, quasi il triplo dell’Italia. Il risultato è un mercato assediato da tasse eccessive e operatori illegali, da cui tutti i principali operatori europei scappano o stanno per scappare.

NT/Agipro

Foto Credits Flickr Images Money CC BY 2.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password