Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 18/05/2024 alle ore 10:00

Attualità e Politica

27/07/2023 | 10:40

Scommesse, il “cash out” piace agli italiani: 9 milioni di biglietti (1,8%) nei primi cinque mesi 2023, stravince l’online, sale il gettito erariale

facebook twitter pinterest
Scommesse cash out cinque mesi 2023 online gettito erariale

ROMA - Vince lo Stato, che riscuote più gettito, e anche i consumatori che possono scegliere un approccio più prudente alle scommesse. Tempo di primi bilanci per il “cash out”, l’espressione anglosassone che sta per “incasso anticipato”: come già avviene da tempo nei principali mercati esteri di betting, si tratta della possibilità per l’utente di terminare anticipatamente la sua scommessa sportiva (singola o multipla) prima che uno o più eventi siano conclusi, ricevendo un importo ricalcolato in funzione dell’andamento delle quote. La quota di vincita sarò ricalcolata al ribasso ma l’utente ha la certezza, qualunque cosa capiti prima della fine dell’avvenimento, di incassare una parte della potenziale vincita iniziale. I primi cinque mesi del 2023, secondo i dati dell’Agenzia delle Dogane elaborati da Agipronews, riportano un totale di circa 8,9 milioni di biglietti – pari all’1,8% del totale – oggetto di “cash out”: nettissima la supremazia del canale online, 8,8 milioni di biglietti contro i 60mila tagliandi del retail. Poi la domanda cruciale: a quanto hanno “rinunciato” gli scommettitori con il “cash out”? I numeri di Adm evidenziano che – sempre nel periodo tra gennaio e maggio 2023 - l’importo vinto risulta inferiore di 4,48 milioni di euro rispetto alle vincite che i giocatori avrebbero ottenuto se non avessero effettuato il “cash out”. Anche in questo caso, domina l’utilizzo del canale online: 3,8 milioni contro 650mila euro. La novità dell’incasso anticipato – introdotta dal ministero dell’Economia a fine ottobre dello scorso anno – ha portato anche un vantaggio finanziario all’Erario, quantificabile – secondo i tecnici Adm – in circa 1,3 milioni di euro. Nelle scommesse sportive, la tassazione è applicata sul margine del bookmaker (20% per le giocate nel retail, 24% nell’online): il “cash out” ha consentito di aumentare il guadagno del banco e – di conseguenza – di innalzare il gettito.

NT/Agipro

Foto Credits Flickr Images Money CC BY 2.0

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password