Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 15/10/2018 alle ore 12:29

Attualità e Politica

09/01/2018 | 11:13

Operazione “Stige”, 169 arresti dei Ros tra Italia e Germania: interessi della ‘ndrangheta anche nel gioco

facebook twitter google pinterest
Stige Ros ndrangheta

ROMA - I carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Crotone hanno arrestato 169 persone tra l'Italia e la Germania nell'ambito di una maxi operazione contro la 'Ndrangheta. Fra gli arrestati ci sono anche alcuni amministratori pubblici calabresi. Al centro dell'inchiesta ci sarebbero le attività criminali della cosca Farao-Marincola, che dalla Calabria ha ramificazioni nel centro e nel nord Italia oltre che in Germania. L'operazione, denominata "Stige", è stata avviata a conclusione delle indagini coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Catanzaro. Sequestrati beni per oltre 50 milioni di euro.

Le accuse rivolte ai 169 indagati sono associazione mafiosa, estorsione, peculato, turbata libertà degli incanti, corruzione e danneggiamento, reati tutti aggravati dal metodo mafioso. Secondo quanto emerso dall'indagine, curata dal procuratore Nicola Gratteri, dall'aggiunto Vincenzo Luberto e dai pm Domenico Guarascio, Fabiana Rapino e Alessandro Prontera, la cosca Farao si sarebbe infiltrata in tutti i settori della vita economica locale. Dalla gestione dei servizi e dei beni amministrati dal comune di Cirò, allo smaltimento rifiuti, dai servizi portuali al mercato del pesce, dai servizi funebri al gioco on line, dalle lavanderie ai tagli boschivi, passando per la distribuzione di prodotti alimentari, carta e plastica per alimenti, prodotti da forno e bevande, i Farao-Marincola controllavano tutto. In mano al clan era finito anche il centro di accoglienza per minori migranti di Cirò Marina, dove erano gli uomini dei Farao Marincola ad occuparsi delle forniture di beni e servizi ospiti, dei pagamenti dei fornitori - tutti ovviamente legati a famiglie di 'ndrangheta -  del disbrigo delle pratiche amministrative anche finalizzate alla erogazione dei fondi ministeriali, della gestione del personale e del pagamento degli stipendi.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Scommesse illegali Enna multa

Scommesse illegali in provincia di Enna, multa da 50mila euro

15/10/2018 | 09:10 ROMA - Non aveva alcuna autorizzazione, ma accettava scommesse utilizzando un bookmaker estero che però non poteva operare in Italia: il gestore di una sala di Aidone, in provincia di Enna, è stato denunciato e nei suoi...

Giochi Umbria No Slot sindaci

Giochi, Umbria: consegnato il marchio No Slot ai sindaci

13/10/2018 | 17:00 ROMA - L’assessore regionale alla Salute, Luca Barberini, ha consegnato il marchio “Umbria No Slot” ai sindaci dei Comuni umbri che avranno il compito di assegnarlo ai locali in possesso dei requisiti previsti dalla...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password