Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/06/2020 alle ore 16:35

Attualità e Politica

04/07/2019 | 11:40

Studio Cgia-Astro: dalla “stretta” piemontese sugli apparecchi una perdita per l'Erario di 80 milioni l'anno

facebook twitter google pinterest
Studio Cgia Astro giochi piemonte

ROMA - Il terzo campo di applicazione della ricerca Cgia sui giochi riguarda il corpus delle norme che regolano il settore. Anche qui, l'azione dello Stato e delle Regioni si è rivolta soprattutto al settore degli apparecchi. Lo Stato ha imposto una sostanziale riduzione delle macchine in esercizio, gli enti locali hanno emanato leggi particolarmente severe, soprattutto attraverso l'introduzione del “distanziometro” (divieto di installare slot nei pressi di luoghi ritenuti “sensibili”) e la limitazione degli orari. Il caso più eclatante è quello del Piemonte, che dal 2017 ha applicato il distanziometro anche per gli esercizi pubblici già esistenti al momento dell'entrata in vigore della legge e dal maggio di quest'anno prescrive la chiusura di tutte le sale giochi sotto distanza. Questo ha generato una ovvia riduzione della raccolta, ma anche, avverte la ricerca, una crescita della raccolta di altre tipologie di gioco, il possibile aumento del gioco illegale, una perdita per l'Erario stimabile in circa 80 milioni di euro annui e un taglio di quasi 600 posti di lavoro.
MF/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password