Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/09/2018 alle ore 11:13

Attualità e Politica

11/09/2018 | 17:40

Giochi, Abruzzo: prorogata la legge anti-ludopatia, scadenza autorizzazioni nel 2020

facebook twitter google pinterest
abruzzo gioco legge proroga

ROMA - La Regione Abruzzo ha prorogato al 2020 l'attuazione della legge regionale per il contrasto al gioco patologico, originariamente prevista per il 21 novembre 2018. Nel testo - datato 24 agosto - sulle “Modifiche alla legge regionale 9 luglio 2016, n. 20 (Disposizioni in materia di Comunità e aree montane) e ulteriori disposizioni”, sono state inserite le modifiche all’articolo 3 della legge regionale sul gioco del 2013. Le disposizioni in questione vietavano nuove aperture nel raggio di 300 metri dai luoghi sensibili (come scuole, luoghi di culto, strutture sanitarie) e stabilivano che le autorizzazioni già esistenti sarebbero decatute entro cinque anni dall’entrata in vigore della legge. Nelle modifiche approvate a fine agosto, invece, le parole «cinque anni» sono sostituite da «sette anni».
Una svolta che arriva dopo le prime mosse dei Comuni per attuare le disposizioni originarie. Quello di Teramo è stato uno dei primi a muoversi: l’amministrazione ha inviato nei giorni scorsi una lettera gli esercenti, ricordando la scadenza del 21 novembre e comunicando che entro il 22 settembre andrà presentata la nuova richiesta di autorizzazione, in accordo con i requisiti di legge. Istruzioni che presumibilmente saranno modificate vista la proroga arrivata dalla Regione. Secondo gli ultimi dati del Mef, sono più di 7mila le slot  presenti in Abruzzo; circa 400 i punti scommesse, mentre arrivano a 6 le sale bingo. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password