Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 24/02/2018 alle ore 20:35

Attualità e Politica

21/12/2017 | 11:50

Giochi in Piemonte, Astro: «Regione valuterà sospensione di accertamenti e sanzioni»

facebook twitter google pinterest
astro piemonte giochi moratoria

ROMA - Nessuna sospensione, almeno per il momento, per gli accertamenti e le sanzioni a carico di gestori ed esercenti slot che non rispettano il “distanziometro” previsto dalla legge regionale del Piemonte. Tuttavia, i legali della Regione discuteranno con l’Amministrazione l’opportunità di una moratoria in attesa delle verifiche del Tribunale di Torino. È quanto si legge in una nota di Astro dopo il rinvio al 17 gennaio dell’udienza sulla procedura di urgenza promossa dall’associazione di gestori contro la legge anti-ludopatia piemontese. In attesa del nuovo appuntamento giudiziario, il legale di Astro (e delle imprese iscritte all’associazione) ha evidenziato il danno e la potenziale irreparabilità delle eventuali sanzioni per gestori ed esercenti, il cui importo, si legge, «coincide con una percentuale del reddito medio annuo degli esercizi coinvolti, molto vicina al 100%». Astro ha dunque richiesto una moratoria, ovvero una sospensione delle attività di accertamento e irrogazione delle sanzioni. «Che la moratoria sia – da un punto di vista logico – un atteggiamento amministrativo consequenziale al livello di incertezza che impera sull’attuazione della legge regionale risulta altresì confermato dalle recenti dichiarazioni dell’Assessore Regionale Augusto Ferrari - continua la nota - Questi ha annunciato, proprio ieri, al Consiglio, l’emanazione imminente di una circolare esplicativa a mezzo della quale la Giunta definirà, tra l’altro, le modalità di calcolo delle distanze, ovvero il presupposto fondante della legge stessa, evidentemente non sufficientemente normate, a livello tecnico, dalla legge». Astro conclude sottolineando «che non è stata predisposta nessuna “sospensione” delle attività sanzionatorie, ma solo che i legali della Regione esporranno agli Uffici preposti di valutare l’opportunità di attendere l’esito delle verifiche giudiziarie in corso prima di operare sanzioni ulteriori rispetto a quelle già emesse». RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

Scarica l'app dallo store

Scarica
chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password