Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/09/2020 alle ore 17:40

Attualità e Politica

27/04/2020 | 19:30

Calabria, proposta di legge per salvare slot e Vlt: scaduti i termini per adeguarsi al distanziometro

facebook twitter google pinterest
calabria tallini modifica legge slot

ROMA - Il miglioramento della situazione sanitaria apre spiragli, seppure non immediati, alla riapertura delle sale giochi. In Calabria, però, la fase 2 dell'emergenza coronavirus potrebbe essere particolarmente problematica, almeno per ciò che riguarda slot e Vlt. Sono passati infatti i 24 mesi previsti dalla legge n. 9 del 26 aprile 2018, termine entro il quale sale giochi e scommesse devono adeguarsi al distanziometro. Secondo il testo, gli apparecchi da intrattenimento non possono essere collocati in locali «che si trovano ad una distanza, misurata in base al percorso pedonale più breve, non inferiore a trecento metri per i comuni con popolazione fino a cinquemila abitanti e non inferiore a cinquecento metri per i comuni con popolazione superiore a cinquemila abitanti».

La riapertura post coronavirus, per molti operatori calabresi potrebbe essere seguita da una nuova chiusura, a meno che non passi in tempi sufficientemente brevi la modifica depositata ieri dal presidente del Consiglio regionale Mimmo Tallini, che fa slittare il termine di adeguamento da 24 a 48 mesi. Il provvedimento fa parte di un disegno di legge di “manutenzione” di varie leggi regionali, tra cui appunto la n. 9 del 2018 nella quale è contenuta la normativa antiludopatia. 

MF/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password