Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 12/12/2018 alle ore 16:00

Attualità e Politica

24/09/2018 | 17:15

L'annessione di Campione d'Italia? Secondo il ministro svizzero è un'ipotesi “immaginabile”

facebook twitter google pinterest
campione d'italia svizzera cassis candiani

ROMA - L'annessione di Campione d'Italia «è immaginabile». Ha risposto così il ministro degli esteri svizzero e consigliere federale Ignazio Cassis a un'interrogazione del deputato ticinese Marco Romano. «Evdentemente – ha continuato Cassis - ci dovrebbero essere delle proposte dell'autorità competente cantonale in tal senso. Dopodiché quella federale farebbe le sue riflessioni al riguardo».

Su quella che a prima sensazione potrebbe sembrare un'ipotesi di fantapolitica si sta sviluppando un dibattito piuttosto serio in Svizzera, e ora le parole del ministro rappresentano un salto di qualità in tal senso. La crisi dell'exclave, sconvolta dal fallimento del casinò, rappresenta una ferita anche per l'economia dei dintorni, abituata da sempre a interagire con Campione. 

L'ipotesi di “secessione” ha provocato la reazione del leghista Stefano Candiani, sottosegretario del Ministero dell'Interno: «Credo che qualcuno non abbia ben compreso che Campione è territorio italiano, punto – ha detto ai microfoni della Rsi, la radiotelevisione svizzera - Non abbiamo alcuna intenzione di soprassedere rispetto a questo punto». 

Marco Romano però non molla e intende presentare una mozione perché siano intavolate discussione con l'Italia: «La Svizzera si sta facendo carico di costi che oggi Campione non riesce più a sobbarcarsi. Questa situazione può durare per un certo periodo, ma non può diventare una costante. Anche per questo occorre valutare l'opportunità che Campione diventi un comune svizzero, con regole svizzere, costi svizzeri e regole di gestione e servizi svizzeri».
MF/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

tar bolzano giochi vlt

Giochi, Tar Bolzano sospende chiusura di tre sale vlt

12/12/2018 | 15:05 ROMA - Sono state momentaneamente sospese dal Tar Bolzano le chiusure di tre sale vlt del capoluogo altoatesino, per le quali il Comune aveva disposto lo stop all'attività. Nei decreti urgenti firmati dalla presidente Edith...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password