Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/08/2018 alle ore 10:00

Attualità e Politica

20/02/2018 | 16:08

Frongia (Comune di Roma): «Capannelle non chiuderà dopo il 15 maggio. E i lavoratori saranno garantiti»

facebook twitter google pinterest
capannelle frongia ippica

ROMA - «Stiamo lavorando affinché l'ippodromo di Capannelle possa proseguire le proprie attività dopo la scadenza del 15 maggio. E i lavoratori saranno garantiti». Lo ha detto ad Agipronews Daniele Frongia, assessore allo Sport del Comune di Roma, impegnato a decidere le sorti dello storico impianto romano. La concessione di Hippogroup, società che da sempre gestisce l'ippodromo, scade appunto alla metà di maggio, secondo quanto disposto da una delibera dirigenziale del Dipartimento Sport dello scorso 20 novembre. Una “deadline” che mette in agitazione l'ippica romana (pochi giorni dopo la scadenza è in programma il Derby di galoppo), ma che ha ripercussioni anche sugli eventi musicali estivi previsti a Capannelle. 

Assessore Frongia, cosa succederà all'ippodromo a partire dal 16 maggio? Escludete la concessione di una proroga a Hippogroup?

«Con gli uffici stiamo valutando la soluzione migliore, dal momento che sono ancora in corso i sopralluoghi per la verifica della consistenza dell’impianto. Si tratta di una operazione preliminare e necessaria rispetto alla messa a bando della struttura. Comunque stiamo studiando soluzioni affinché Capannelle non sospenda l'attività».

Nei giorni scorsi lei ha parlato di una clausola di salvaguardia per i lavoratori: esiste già un piano specifico? Manterranno il loro posto anche con la nuova gestione?

«Teniamo alla salvaguardia dei posti di lavoro e a far sì che anche chi ha beneficiato in passato di sentenze favorevoli contro il licenziamento irrogato da Hippogroup possa essere ricollocato nel proprio posto. Chiunque gestirà l’ippodromo sarà quindi tenuto a garantire l’occupazione all’interno dello stesso».

Hippogroup lamenta l'assenza di rapporti con l'assessorato allo Sport e chiede un tavolo di lavoro con l'amministrazione comunale. Prevedete passi in questo senso nelle prossime settimane?

«Abbiamo ricevuto la Hippogroup quando ci ha chiesto di essere convocata; di recente, dopo la notifica del ricorso al Tar (presentato dalla società di gestione contro lo “sfratto”, ndr), ci è pervenuta una nuova richiesta in tal senso che, a breve, esaudiremo. Anche il presidente della Commissione Sport Angelo Diario si è recato sul posto per una commissione-sopralluogo».

Capannelle ospita anche la manifestazione “Rock in Roma”. L'ampliamento delle iniziative collaterali potrebbe rendere più produttivo un impianto così vasto e costoso, secondo una politica che, ad esempio, a Milano San Siro stanno seguendo da qualche tempo. È una strada percorribile?

«Questa è proprio la linea che vogliamo seguire. L’impianto sportivo Ippodromo di Capannelle è una grande risorsa della città e della periferia, con una forte vocazione per lo sport e per i grandi eventi cittadini».
MF/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password