Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 14/12/2018 alle ore 21:17

Attualità e Politica

29/11/2018 | 12:17

Operazione “Game Over”, Cassazione: per Sgroi rimane l'accusa di associazione mafiosa

facebook twitter google pinterest
cassazione game over scommesse mafia palermo

ROMA - Rimane in piedi l'accusa di associazione mafiosa per Benedetto Sgroi, uno degli indagati dell’inchiesta “Game Over”. Si tratta dell’operazione che a inizio anno ha messo in luce un sistema di scommesse illecite con l’appoggio della mafia, con base logistica a Partinico, in provincia di Palermo. La Corte di Cassazione, in fase preliminare, ha confermato quanto stabilito dal Giudice del Riesame di Palermo, che a febbraio aveva annullato la custodia in carcere, «confermando nel resto il provvedimento in relazione al reato di associazione mafiosa». Per la Corte il quadro probatorio «si palesa univoco e congruamente motivato»: dalle indagini è emerso «che lo Sgroi trattò personalmente le relazione tra il clan del Bacchi (uno dei principali indagati, ndr) e altra famiglia mafiosa», e il resoconto delle intercettazioni «non lascia adito a dubbi circa la consapevolezza del ricorrente in relazione alle connotazioni particolari del giro d'affari e alla struttura associativa sottesa, in cui il medesimo risultava inserito». Il ricorso di Sgroi è stato quindi dichiarato inammissibile. LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password