Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/05/2019 alle ore 17:32

Attualità e Politica

19/02/2019 | 16:38

Caso Capannelle, Celli (Roma torna Roma): “Dalla Giunta solo parole, per definire un nuovo canone serve una delibera”

facebook twitter google pinterest
celli capannelle comune Roma ippodromo

ROMA - «Su Capannelle ci sono stati tavoli tra il concessionario e l'amministrazione, ora però vogliamo capire quali siano le reali intenzioni della Giunta a proposito dell'unico impianto ippico romano. Per questo venerdì prossimo ci riuniremo in Commissione Controllo». Lo dice ad Agipronews la consigliera comunale Svetlana Celli (Roma torna Roma), impegnata da tempo nelle vicende che riguardano l'impiantisca sportiva romana e critica sulla sorte dell'ippodromo, chiuso alle corse dall'inizio del 2019 per la querelle tra Roma Capitale e il concessionario Hippogroup. Il nodo principale è quello del canone di concessione: «Si tratta di definire la cifra – continua Celli - ma non a parole come è stato fatto finora dalla Giunta. C'è attualmente un atto di delibera che risale all'amministrazione Alemanno e quantifica il canone in 66 mila euro l'anno. Non va bene? Allora va revocata la delibera e fatto un altro atto. Non solo: oltre a quantificare il nuovo il canone vanno spiegati anche i criteri per i quali si arriva a determinare la cifra». 

Negli ultimi mesi Hippogroup ha operato con la concessione già scaduta. «Attendiamo da tempo il bando per una nuova assegnazione, ma anche su questo è buio fitto. Ed è una situazione che non riguarda solo Capannelle. A Roma ci sono 87 impianti comunali, in due anni e mezzo sono stati emanati solo due bandi. Vorremmo capire il perché di questo blocco». Intanto la tensione su Capannelle sta salendo: è della scorsa settimana il blocco della via Appia, con balle di paglia incendiate sulla carreggiata. «Io sono sempre per la conciliazione – conclude la consigliera - ma bisogna capire da due anni e mezzo  i lavoratori dell'ippodromo ascoltano solo parole. La rabbia può spingere a comportamenti censurabili».

MF/Agipro 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password