Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 27/11/2020 alle ore 15:30

Attualità e Politica

14/04/2020 | 10:00

Coronavirus, Confcommercio: a marzo consumi in calo del 31,7%

facebook twitter google pinterest
coronavirus confcommercio consumi

ROMA - Confcommercio stima per il primo trimestre 2020 una riduzione dei consumi del 10,4% rispetto allo stesso periodo del 2019, complice la caduta del mese di marzo (-31,7%). Di conseguenza, si legge in una nota dell'Confederazione, le stime indicano una riduzione tendenziale del Pil del 3,5% nel primo trimestre del 2020 e del 13% nel solo mese di aprile. «Siamo in presenza di dinamiche inedite sotto il profilo statistico-contabile, che esibiscono tassi di variazione negativi in doppia cifra non presenti nella memoria storica di qualunque analista», spiega l'associazione guidata da Carlo Sangalli. «Purtroppo sono profili declinanti molto prossimi alla realtà: i dati veri sull'accoglienza turistica (-95% degli stranieri a partire dall'ultima settimana di marzo), sulle immatricolazioni di auto (-82% nei confronti dei privati), sulle vendite di abbigliamento e calzature (attualmente -100% per la maggior parte delle aziende, precisamente quelle non attive su piattaforme virtuali), per i bar e la ristorazione (-68% considerando anche le coraggiose attività di delivery presso il domicilio dei consumatori), appaiono di sconcertante evidenza».
«La strada prevalente in Italia è la riduzione degli impatti della crisi attraverso la concessione di abbondante liquidità a costi molto esigui», sottolinea Confcommercio, secondo cui «sarebbe opportuno affiancare a questi provvedimenti una serie di indennizzi proporzionali alle perdite (al netto delle imposte potenzialmente dovute) subite dagli imprenditori e dai lavoratori». Nelle fasi di riapertura «è necessario evitare che, dopo il coronavirus, la ricostruzione dei livelli di benessere economico, già depressi, del 2019, duri troppi anni. Il rischio - conclude la nota - è la marginalizzazione strutturale del Paese rispetto alle dinamiche internazionali dell'integrazione, dell'innovazione tecnologica, della sostenibilità e, in definitiva, della crescita di lungo termine». RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password