Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/10/2019 alle ore 21:25

Attualità e Politica

30/07/2019 | 17:39

Divieto pubblicità, Cardani (Presidente Agcom) risponde a Di Maio: "Ci ha insultato senza confrontarsi su linee guida"

facebook twitter google pinterest
di maio pubblicità

ROMA - «Le parole del Ministro Di Maio, lanciate su un social network, seppure per rivolgere da ministro critiche ad un'istituzione indipendente, risultano completamente distorsive del lavoro dell'Autorità, che ha provato in primo luogo a tenere insieme e dare un senso a differenti disposizioni di legge». Così si esprime il presidente Agcom Angelo Marcello Cardani, in una nota nella quale replica alle critiche rivolte da Luigi Di Maio a proposito delle linee guida dell'Autorità in merito al divieto di pubblicità sui giochi. 

L'Agcom, sottolinea ancora Cardani, si è sforzata di rendere efficace il divieto anche «attraverso una proficua interlocuzione con l'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, per poi segnalare - come è accaduto in tante altre occasioni - le difficoltà di coordinamento che impediscono una piena applicazione del divieto di pubblicità nel settore. Spiace che il Ministro dello sviluppo economico utilizzi l'Autorità e il suo operato per lanciare messaggi politici e personali - aggiunge - Prima di insultare il ministro Di Maio avrebbe dovuto confrontarsi nel merito ed eventualmente collaborare nell'interpretazione dei contenuti della legge». Quanto alla richiesta di dimissioni dei vertici dell'Autorità, richieste da Di Maio nel suo post, Cardani ricorda al Ministro «che il Consiglio dell'Autorità è scaduto - dopo sette anni - il 24 luglio e, in questa fase di prorogatio necessaria alla continuità dell'esercizio delle funzioni di garanzia, sta sopperendo all'inazione del Parlamento e del Governo nelle nomine del nuovo vertice, continuando a prestare il proprio servizio al Paese». RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

notizie agipronews giochi slot scommesse de siervo manovra

Giochi, la settimana in un clic

18/10/2019 | 16:32 LUNEDI' 14 OTTOBRE Politica e giochi - Certamente le leggi regionali vanno impugnate nel momento in cui non tutelano la salute pubblica. Mi sto attivando perché la legge regionale del Veneto sul gioco possa essere impugnata...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password