Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 13/05/2021 alle ore 20:50

Attualità e Politica

21/04/2021 | 16:31

Covid, Schiavolin (ad Snaitech): "Dl Riaperture dimentica il settore gioco"

facebook twitter pinterest
dl riaperture gioco schiavolin snaitech

ROMA - «Apprendiamo con sconcerto che la bozza del Dl Riaperture, diffusa nella giornata di ieri, non menziona la riapertura dei negozi di gioco legale. Da marzo 2020 ad oggi i punti gioco hanno osservato quasi 300 giorni di chiusura, questo nonostante abbiano adottato tutti i presidi e i dispositivi di sicurezza necessari a garantire la tutela della salute di dipendenti e clienti. Non dimentichiamo, inoltre, che i nostri negozi hanno un'ampia dimensione media e per tipologia di attività presentano profili di rischio molto inferiori rispetto ad altre attività commerciali, già riaperte da tempo». Lo afferma in una nota Fabio Schiavolin, amministratore delegato di Snaitech.

«Constatiamo come nella bozza di Decreto siano annoverate molteplici attività, come palestre, piscine, congressi, parchi divertimento e centri termali, ma non i punti di gioco legale, che, ribadisco, sono adeguati e pronti a garantire la massima sicurezza - prosegue Schiavolin - Le chiusure stanno mettendo in ginocchio i gestori delle sale, minando la sostenibilità di una filiera composta da 12mila punti vendita e che impiega complessivamente 60mila lavoratori. Questa crisi è peraltro oggetto di attenzione specifica da parte del Sottosegretario con delega ai giochi, Durigon: parliamo di un enorme danno anche per l'erario, che ha registrato mancati introiti per oltre 5 miliardi di euro. Senza contare che le chiusure stanno favorendo la proliferazione di attività di gioco illegali, come più volte sottolineato dal Procuratore Nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, ed emerso dai controlli effettuati dalle forze dell'ordine e dall'Agenzia Dogane e Monopoli».

«Vorrei infine sottolineare che il criterio adottato per la selezione delle riaperture è basato sulle categorie merceologiche e non invece, come dovrebbe essere, sulla valutazione dei presidi e delle misure di sicurezza adottabili. Questa scelta, oltre a penalizzare settori come il nostro, non è neanche allineata a livello internazionale. Portiamo, ad esempio, la nostra esperienza in Germania dove i punti di gioco possono svolgere la propria attività in continuità con gli altri pubblici esercizi in virtù delle garanzie di sicurezza che possono offrire al pari di altre attività merceologiche. Un criterio oggettivo e univoco. Le regole di sanificazione degli ambienti, il distanziamento sociale, le modalità di fruizione senza lunga permanenza negli ambienti chiusi, sono tutte disposizioni che i nostri punti vendita sono preparati ad offrire già da diversi mesi. La discriminazione ai danni del gioco legale è una iniquità che il Governo ha il dovere di affrontare, sia in emergenza che in via definitiva, con una riforma che garantisca alle aziende, agli investitori, ai lavoratori di poter operare in sicurezza e rispetto delle regole da parte di tutti». Snaitech è uno dei principali operatori in Italia nel settore gioco legale. La società è attiva nel comparto Betting Retail (con una quota di mercato del 18,7%), in quello degli apparecchi da intrattenimento (14,9% del mercato) e in quello dei giochi e delle scommesse on line (con una quota complessiva del 10,3%).

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

MillionDay ritardatari

MillionDay: il 33 ancora leader dei ritardatari a 42 turni

13/05/2021 | 19:01 ROMA - Il 33 resta alla guida dei ritardatari del MillionDay con 42 turni di assenza, dopo l'estrazione di giovedì 13 maggio. Resistono anche il 26, via da 36 estrazioni, e il 17 (28). Tra i cinque numeri più assenti...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password