Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 20/07/2018 alle ore 19:09

Attualità e Politica

10/01/2018 | 12:15

Giochi, Cassazione: «Ok a sequestro di immobili solo se sono in relazione con il reato»

facebook twitter google pinterest
giochi cassazione sequestro

ROMA - Il sequestro preventivo di un immobile è legittimo solo se esiste una relazione specifica con il reato ipotizzato. È quanto si legge nella sentenza della Terza sezione penale della Corte di Cassazione, che ha accolto il ricorso presentato da un esercente siciliano. Il negozio del ricorrente era stato sequestrato dal Tribunale di Catania a causa della «manomissione dei sigilli apposti in occasione di un precedente controllo» su due apparecchi da gioco irregolari. Nella sentenza si legge che, in tema di sequestro preventivo, «il bene oggetto della misura cautelare reale deve caratterizzarsi da una intrinseca, specifica e strutturale strumentalità rispetto al reato commesso». Una relazione in questo caso insussistente: «Il Tribunale non spiega in cosa consista il nesso tra la violazione dei sigilli degli apparecchi oggetto di un precedente sequestro e l'intero immobile nel quale sono ubicati», si legge ancora. Inoltre «la misura risulta inadeguata, sotto l'ulteriore profilo del difetto di proporzionalità, rispetto al fine perseguito, ove si consideri che l'immobile sembra comunque destinato all'esercizio di attività commerciale, essendo adibito a centro di elaborazione dati e rivendita di oggetti di cartoleria». La sentenza del Tribunale di Catania è stata dunque annullata senza rinvio. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

Giochi settimana in un clic 20 luglio 2018

Giochi, la settimana in un clic

20/07/2018 | 16:04 LUNEDI' 16 LUGLIO Giustizia e Giochi – Il Gup del Tribunale di Roma, Elvira Tamburelli, ha disposto il rinvio a giudizio per l’imprenditore Francesco Corallo, per l’ex presidente della Camera, Gianfranco Fini,...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password