Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 15/04/2021 alle ore 16:43

Attualità e Politica

26/02/2021 | 12:53

Giochi in lockdown, nuovo no del Tar agli operatori: "Ancora incognite sulla diffusione del virus, difficile valutare i rischi"

facebook twitter pinterest
giochi tar lazio

ROMA - «Permangono incognite relative alle modalità di diffusione del virus, che rendono difficile una compiuta valutazione dei rischi». Così il Tar Lazio nell'ordinanza che respinge un nuovo ricorso degli operatori di gioco contro i Dpcm di ottobre, dicembre e gennaio che hanno sospeso l'attività di sale giochi, scommesse e bingo. Nel provvedimento odierno i giudici confermano che «non sussistono esigenze cautelari» con riferimento ai primi due Dpcm, «i quale hanno perso efficacia». Il provvedimento di gennaio, inoltre, «non appare palesemente illogico o irragionevole», poiché l'amministrazione ha effettuato «una valutazione inerente al grado di essenzialità dell’attività cui imporre il sacrificio», in un contesto in cui, appunto, le modalità di diffusione del virus non sono ancora del tutto conosciute e rendono difficile la valutazione del rischio. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password