Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/10/2018 alle ore 19:02

Attualità e Politica

26/10/2017 | 12:59

Riordino giochi, la stima di Laffranco (FI): allo Stato 2,8 miliardi in meno

facebook twitter google pinterest
laffranco giochi riordino governo erario

ROMA - Riduzione del 35% delle slot, dimezzamento dei punti di gioco, stretta sugli orari e distanziometri regionali: la “cura dimagrante” prevista nell'immediato futuro per il settore giochi non potrà non avere conseguenze sulle entrate erariali. Quanto incasserà in meno lo Stato? Un mese e mezzo fa, subito dopo l'accordo fra Stato ed enti locali in Conferenza Unificata, il sottosegretario Baretta ha parlato di un miliardo di minore gettito. Ora, in un'interrogazione urgente in Commissione Finanze alla Camera, il deputato Pietro Laffranco (FI) presenta un conto molto più salato, analizzando voce per voce il calo di entrate erariali, sulla base di “una stima effettuata da operatori nazionali” e arrivando a un totale di 2,8 miliardi. Questo il dettaglio: secondo l'onorevole Laffranco, le misure previste dall'accordo Stato-enti locali genereranno una riduzione di gettito di 1,6 miliardi di euro, così divisi: 500 milioni dal taglio delle slot, 400 milioni dal dimezzamento dei punti vendita, 600 milioni dall'introduzione della tessera del giocatore, 100 milioni dalla stretta sugli orari.

A questi, vanno aggiunti altri 1,2 miliardi derivanti dai provvedimenti autonomi delle regioni, soprattutto sul versante dei distanziometri. L'applicazione delle leggi regionali, recita l'interrogazione, “determinerà la chiusura di un numero di punti vendita tra il 60 e il 90 per cento” e gli impatti erariali sono dettagliati come segue: 200 milioni per le norme che producono effetti dal 2017 (riguardanti il solo Piemonte); 400 milioni per il 2018 (Liguria, Abruzzo, Emilia-Romagna); 400 milioni per il 2019 (Puglia, Basilicata, e ancora Piemonte); 200 milioni per il 2020 (Marche, Trento, Valle d'Aosta). Pertanto, secondo Laffranco, l'insieme delle nuove norme “produrranno effetti complessivi sul gettito per 2,8 miliardi di euro “importi di gran lunga superiori a quelli ipotizzati dallo stesso Sottosegretario Baretta, che ha prospettato un calo del 10 per cento, equivalente a circa 1 miliardo di euro”.
MF/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password