Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 26/09/2018 alle ore 17:36

Attualità e Politica

12/01/2018 | 13:34

Giochi, Cassazione: «Ludopatia non può essere assimilata a tossicodipendenza»

facebook twitter google pinterest
ludopatia cassazione tossicodipendenza

ROMA - La ludopatia non può essere assimilata alla tossicodipendenza nella valutazione dei reati. È quanto ha stabilito la Prima sezione penale della Corte di Cassazione nella sentenza che ha escluso il cosiddetto “reato continuato” per un imputato pugliese. L’indagato era stato condannato per furto con due diverse sentenze dal Tribunale e dalla Corte di Appello di Bari, e aveva chiesto di contenere la pena irrogata tramite la disciplina del “reato continuato”, che consente di cumulare più reati in una sola imputazione. «Secondo il ricorrente - si legge nella sentenza - aver commesso i reati in un breve arco temporale per pagare i debiti di gioco contratti per il suo stato di conclamata ludopatia conferma la sussistenza del vincolo della continuazione» che viene applicato nei casi di tossicodipendenza. Tuttavia, scrivono i giudici, la ludopatia «affonda le proprie radici in aspetti della psiche del soggetto e non presenta, al momento attuale, quegli aspetti di danno, che l'esperienza ha dimostrato essere alla base dei comportamenti devianti» propri della tossicodipendenza. Per la Cassazione, dunque, i giudici di primo e secondo grado hanno correttamente sottolineato «la non assimilabilità» della ludopatia «alla condizione della tossicodipendenza» e dunque «la necessità di procurarsi denaro per pagare i debiti da gioco, indicata come movente dei comportamenti illeciti, non è dimostrativa sul piano giuridico della riconducibilità degli stessi a un'unica ideazione criminosa posta». Il ricorso è stato quindi dichiarato inammissibile. LL/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password