Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/12/2018 alle ore 09:30

Attualità e Politica

22/09/2018 | 10:29

Riduzione slot, Tar Lazio a Sapar: "Nessuna anticipazione ingiustificata del taglio"

facebook twitter google pinterest
riduzione slot tar lazio sapar

ROMA - Secondo Sapar, invece, la manovrina avrebbe anticipato ingiustificatamente di due anni il termine per la riduzione degli apparecchi, mentre la certezza era quella di poter utilizzare le slot fino al 31 dicembre 2019,  data fissata dalla legge di stabilità 2016 per la messa a regime delle "slot da remoto", più sicure e controllate. Tesi bocciata dal Tar, per il quale tale scadenza «è stata stabilita soltanto per la definitiva dismissione degli apparecchi AWP, ma sin dall’inizio era previsto che il processo di riduzione degli stessi apparecchi dovesse essere attuato dal 1° gennaio 2017». Il taglio non è esclusivamente correlato «al processo di evoluzione tecnologica», ma «è da ricercare anzitutto nella finalità di contrasto alla ludopatia». La manovra 2016, inoltre, «stabiliva chiaramente che la riduzione del 30 per cento fosse prevista a partire dal 1° gennaio 2017, sia pure sulla base delle modalità da stabilirsi mediante un apposito decreto ministeriale». Gli operatori «erano quindi consapevoli che la misura della riduzione sarebbe stata applicabile circa un anno dopo l’entrata in vigore della legge - scrivono i giudici - e avevano perciò a disposizione un congruo termine per assumere ogni conseguente valutazione economica. L’unica differenza di rilievo rispetto al disegno delineato dalla legge del 2015 è consistita nel fatto che le principali modalità operative della riduzione siano state poi dettate non già direttamente dal previsto decreto ministeriale» ma dall’articolo 6-bis della manovrina, «che ha modulato la misura». Infine, il decreto ministeriale non era tenuto a includere i criteri con cui i concessionari dovevano attenersi per individuare gli apparecchi da tagliare: «Il rapporto con i gestori è intrattenuto direttamente dai concessionari - conclude il Collegio - e spetta pertanto a questi ripartire equamente l’onere della riduzione sulle loro controparti contrattuali». (fine) LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password