Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 23/05/2018 alle ore 12:38

Attualità e Politica

27/12/2017 | 09:44

Scommesse, Schiavolin (ad Snaitech): «Leadership consolidata anche con pressione fiscale e novità regolamentari»

facebook twitter google pinterest
schiavolin snaitech giochi scommesse

ROMA - Intanto Snaitech «si avvia a chiudere il quarto trimestre in pieno recupero rispetto al primo - prosegue l'ad del gruppo all'Ansa - e a tornare in utile. È una cosa importante e arriva nel primo anno di chiusura del processo di integrazione - aggiunge Schiavolin - Oltre ad aver riunificato la macchina organizzativa tra le due aziende, abbiamo anche un risultato positivo dal punto di vista economico: nonostante l'impatto delle novità regolamentari nel nostro settore e l'aumentata pressione fiscale, il nostro gruppo è stato capace di consolidare le posizioni di leadership, soprattutto nel mercato del betting, che è il mercato di vocazione dell'azienda. Stiamo crescendo moltissimo e attraverso la sinergia e il travaso di utenti dal retail all'online siamo riusciti a consolidare la parte digitale che, per quanto riguarda le scommesse sportive, è caratterizzata da una presenza di concorrenti molto più ampia rispetto a quella del retail. Anche qui stiamo recuperando terreno e puntiamo alla leadership». A proposito di leadership, Schiavolin rivendica anche quella sul fondamentale tema del gioco responsabile: «Noi siamo storicamente e culturalmente all'avanguardia su questo fronte. Già con Cogetech 10 anni fa abbiamo proposto campagne sul tema, e con il Genoa, che sponsorizzavamo, abbiamo realizzato il primo workshop interdisciplinare dai pulcini alla prima squadra sui problemi legati al match fixing. Quello che vogliamo creare è una generazione di scommettitori responsabili, e sensibilizzare anche tutto il mondo che ruota attorno allo sport». Una politica complessiva che per Snaitech ha pagato anche grazie all'arricchimento del palinsesto: «Oggi - chiude il manager - non siamo molto lontani dall'offerta anglosassone, né per il tipo di scommesse, né per la declinazione delle scommesse. Ormai stiamo coprendo l'impossibile, come sul mercato britannico. Il 60% della nostra raccolta online è sulle scommesse live, che ci hanno consentito di modulare il mix nel digitale verso il mobile in maniera molto forte. Sul retail invece oggi coprono il 25% del totale». RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password