Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/09/2019 alle ore 20:43

Attualità e Politica

12/07/2019 | 14:15

Scommesse, Tar Lombardia: niente licenza per le sale dei bookmaker senza concessione

facebook twitter google pinterest
scommesse tar lombardia licenza offanengo

ROMA - La licenza per l’apertura di una sala scommesse può essere concessa solo se il bookmaker ha una concessione statale. È quanto ha stabilito il Tar Lombardia nella sentenza che respinge il ricorso del titolare di una sala scommesse di Offanengo, in provincia di Cremona, collegata a un bookmaker privo di concessione. L’autorizzazione della Questura, in questo caso negata, «può essere concessa esclusivamente a soggetti concessionari o autorizzati da parte di Ministeri o di altri enti ai quali la legge riserva la facoltà di organizzazione e gestione delle scommesse». I giudici ricordano nella sentenza che l’ordinamento italiano in materia di scommesse prevede un sistema “a doppio binario”, «in quanto obbliga chi intenda svolgere l’attività per conto di un operatore estero a munirsi sia della concessione da parte dei Monopoli di Stato, che dell’autorizzazione di pubblica sicurezza». Tale sistema, concludono i giudici, «ha positivamente superato il vaglio della giurisprudenza comunitaria e nazionale», dunque il ricorso è da bocciare. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password