Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 04/12/2020 alle ore 16:06

Attualità e Politica

13/11/2020 | 10:27

Slot, Cassazione: Preu non versato, necessario accertare la consapevolezza del gestore prima della condanna per peculato

facebook twitter google pinterest
slot cassazione

ROMA - Tornerà per un nuovo giudizio alla Corte di Appello di Bologna la vicenda giudiziaria di un gestore di slot machine, condannato per peculato sia dal Tribunale di Rimini che in secondo grado. È quanto ha stabilito la Sesta sezione penale della Cassazione nella sentenza che annulla con rinvio la decisione dei giudici emiliani. L'imputato era stato riconosciuto colpevole «per l'appropriazione di somme costituenti preu e il canone» dovuto all'Agenzia Dogane e Monopoli. In realtà, scrive la Cassazione, la Corte di appello «si è limitata ad esaminare il solo tema della configurabilità del reato di peculato», ma ha omesso «l'esame del motivo di appello riguardante l'elemento psicologico del reato». I giudici bolognesi dovranno dunque accertare «la consapevolezza e volontà dell'appropriazione» delle somme da parte del gestore, che aveva già trovato un accordo transattivo con il concessionario. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password