Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 13/11/2019 alle ore 17:03

Attualità e Politica

30/10/2019 | 18:25

Slot, Tar Lazio boccia ricorso contro tassa 500 milioni: "Nuove norme sulla ripartizione legittimano il prelievo"

facebook twitter google pinterest
slot tassa 500 milioni tar gstori

ROMA - La norma relativa alla tassa da 500 milioni alla filiera slot non è in contrasto con i principi costituzionali, né con il diritto dell'Unione europea. È quanto ribadisce il Tar Lazio in una nuova sentenza che respinge il ricorso dei gestori contro l'addizionale introdotta dalla legge di stabilità 2015. Il Tar, richiamando la decisione della Corte Costituzionale sul caso, ritiene decisiva l'abolizione della norma arrivata nella manovra del 2016: «Il prelievo forzoso di cui si verte - si legge - non è più misura strutturale ma si atteggia ormai quale intervento una tantum posto a carico della filiera; con la conseguenza che, non solo non si da più la non manifesta infondatezza della questione di illegittimità costituzionale, ma è dato anzi inferirsi la legittimità dei provvedimenti gravati». Oltre alla durata temporale ridotta, «emergono altre essenziali novità che escludono un perdurante contrasto» con i principi della Costituzione. La nuova norma, spiega il collegio della Seconda sezione, ha imposto inoltre «un’interpretazione autentica sulla ripartizione della riferita riduzione fra tutti gli operatori della filiera», stabilendo che «deve essere ripartito pro quota tra ciascuno operatore della filiera e in ragione delle condizioni contrattuali già in essere». In questo modo, «risulta superata la problematica evidenziata dal Collegio» in occasione della prima valutazione del caso. «Nessuna delle ragioni che hanno imposto la rimessione alla Corte Costituzionale della questione di legittimità sono più allo stato sussistenti», conclude il Tar. LL/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password