Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 21/10/2020 alle ore 10:12

Attualità e Politica

31/08/2020 | 12:29

Slot, il Consiglio di Stato "boccia" tassa da 500 milioni: "Introdotta solo per fare cassa, imprese non possono farsene carico"

facebook twitter google pinterest
tassa 500 milioni consiglio di stato corte ue

ROMA - La tassa da 500 milioni per slot e vlt «appare ispirata esclusivamente ad un’esigenza economica di aumentare gli introiti dello Stato, e quindi di “fare cassa”» e non è «ispirata dai motivi imperativi di interesse generale che la renderebbero legittima». È quanto si legge nelle ordinanze con cui il Consiglio di Stato ha rinviato alla Corte di Giustizia Europea i ricorsi dei concessionari relativi all’addizionale extra per slot e vlt, prevista dal governo Renzi con la legge di stabilità 2015. La tassa è inoltre stata adottata «anche in contrasto con il principio di tutela dell’affidamento», perché «va ad incidere sui rapporti di concessione già in corso in modo da peggiorarne i termini economici - scrivono i giudici della Quarta sezione - e quindi da alterare in modo sfavorevole i calcoli di convenienza fatti dal concessionario nel momento in cui si è accordato con l’amministrazione concessionaria».
Non vale secondo i giudici quanto previsto dalla stessa legge, secondo cui la tassa era motivata in vista del riordino organico del settore e della relativa legge delega che però «non ha avuto alcuna altra attuazione». L’imprenditore «prudente ed accorto», dunque, non può farsi carico «di prevedere interventi autoritativi della controparte pubblica di un rapporto di concessione», a meno di circostanze del tutto particolari che in questo caso non sono state rilevate. Anche il fatto che la tassa sia stata abrogata l'anno successivo è irrilevante e anzi «mantiene la necessità di una pronuncia della Corte di giustizia». Secondo i giudici «nulla impedisce che il legislatore, con interventi successivi, possa riproporre una misura identica». Inoltre, «l’entità della misura in esame, anche se la si considerasse straordinaria e destinata a non ripetersi, è comunque considerevole».  LL/Agipro 

Tassa 500 milioni, dopo la risposta della Corte Ue la decisione definitiva del Consiglio di Stato

Tassa 500 milioni, Barreca (avv. concessionari slot): "Ordinanze del Consiglio di Stato fanno ben sperare, la norma non era giustificata"

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password