Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 22/07/2019 alle ore 19:02

Attualità e Politica

11/07/2019 | 17:15

Val d'Aosta, passa la modifica della legge sul gioco: salvi dal distanziometro lotterie e giochi numerici, resta il divieto per scommesse

facebook twitter google pinterest
val d'aosta legge giochi modifica

ROMA – Il Consiglio Regionale della Val d'Aosta ha approvato oggi (33 voti favorevoli, un astenuto, nessuno contrario) la proposta di legge che introduce modifiche urgenti alla legge regionale sul gioco patologico del 2015. La proposta, presentata dalla maggioranza (primo firmatario Luca Bianchi, Union Valdôtaine), esclude dall'applicazione del distanziometro regionale «le lotterie, i giochi numerici a quota fissa e a totalizzatore e i giochi del Totocalcio, del 9 e del Totogol». L'entrata in vigore di questa disposizione agisce retroattivamente dal 1° gennaio 2019. Ritirato prima del voto un emendamento a firma di Jean Claude Daudry (Alliance Valdôtaine) che intendeva esentare dal distanziometro anche le scommesse sportive e che ha provocato una serie di interventi polemici da parte dell'opposizione. 

Le ragioni alla base della proposta vanno ricondotte a una modifica alla legge sul gioco patologico intervenuta nel dicembre scorso, con la quale è stato anticipato al 1° gennaio 2019 il rispetto del distanziometro per tutti quei locali, come bar e tabacchi, in cui il gioco non sia l'esercizio prevalente. Tale modifica aveva fatto scattare un dubbio interpretativo: dovevano essere assoggettati al rispetto delle distanze minime anche gli esercizi pubblici al cui interno sono collocati i cosiddetti corner, destinati a giochi leciti diversi da slot e Vlt? Il voto di oggi risolve il dubbio ed esclude dal distanziometro giochi come gratta e vinci, Lotto e Superenalotto.

MF/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

european lotteries

Report European Lotteries: nel 2017 ricavi per 37 miliardi

22/07/2019 | 18:10 ROMA - Un volume di gioco da 88,5 miliardi di euro che ha generato ricavi per 37,1 miliardi di euro e destinato 23,3 miliardi alle attività per il sociale. È la fotografia del settore Lotterie, aggiornata all'anno...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password