Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 06/12/2022 alle ore 14:40

Attualità e Politica

28/09/2022 | 19:35

ESCLUSIVA/Nuovo decreto scommesse, Freni (Sott. Mef): “Possibilità di correzione delle quote sbagliate aumenterà le entrate erariali”

facebook twitter pinterest
ESCLUSIVA Nuovo decreto scommesse Freni Mef quote entrate

ROMA - Il nuovo decreto scommesse apporterà un sostanziale cambiamento al mercato. Tante le novità introdotte, conferma ad Agipronews Federico Freni, sottosegretario al Mef con delega ai giochi.

Freni, quali sono le principali novità? Si potranno correggere gli sbagli materiali nell’offerta di quote: finora, i bookmaker erano costretti a pagare i giocator anche in caso di errore…
L’errore quota si verifica quando un concessionario offre a quote oggettivamente fuori mercato uno o più esiti di una tipologia di scommessa.  La fissazione dei criteri e delle modalità di individuazione oggettiva dell’errore quota viene demandata alle determinazioni dell’Agenzia. L’intervento sull’errore quota è di interesse sia del concessionario sia dell’erario, in quanto, dopo il passaggio alla tassazione sul margine, ridurre gli errori quota significa evitare un esponenziale aumento dell’importo delle vincite con contestuale diminuzione del margine cui l’aliquota di imposta unica si applica.

Arriva anche l’handicap asiatico e cambiano le regole per i rimborsi
Sì, sarà possibile introdurre tipologie di scommessa a quota fissa di tipo asiatico, generalmente a due indici, riferiti, per esempio nel calcio, al numero di goal segnati da una squadra oppure al numero totale di goal segnati in una partita. Conseguentemente, l’esito delle scommesse può risultare - oltre che totalmente vincente o perdente - anche per metà a rimborso e per l’altra metà o vincente o perdente. Inoltre cambiano le modalità di rimborso delle giocate e i casi di tipologia di scommessa considerata valida, finora frutto di mera interpretazione dell’attuale regolamento.  

In cosa consiste il “cash out”, così atteso dal mercato? 
I concessionari avranno la facoltà di proporre al partecipante il pagamento anticipato della scommessa a quota fissa, anche parziale, prima che l’ultimo degli eventi pronosticati si realizzi, pari ad un importo di vincita offerto al partecipante e da esso accettato. Tale importo può essere inferiore all’importo scommesso e il giocatore avrà la facoltà di accettare o meno l’importo offerto. 

Novità anche su importo giocate e vincita massima...
La posta unitaria di gioco è ora pari a 0,05 euro (anziché 1 euro) e può essere modificata con provvedimento dell’Agenzia, la giocata minima è pari a 1 euro (anziché di 2 euro). La vincita massima passa da 10mila a 50mila euro.

NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password