Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 16/05/2022 alle ore 20:34

Attualità e Politica

11/03/2022 | 15:14

Giochi, Cassazione: no alle slot nei centri scommesse senza licenza di polizia

facebook twitter pinterest
Giochi Cassazione: no alle slot nei centri scommesse senza licenza di polizia

ROMA - No alle slot machine nei punti scommessi privi della licenza di polizia. Così la Corte di Cassazione nell'ordinanza che respinge il ricorso presentato dalla società titolare di un centro scommesse collegato a un bookmaker estero privo di concessione. L'Agenzia Dogane e Monopoli aveva disposto una sanzione di 55mila euro, per la presenza all'interno del locale di 11 apparecchi, installati però irregolarmente. Nello specifico, alla sala mancava l'autorizzazione della Questura per l'attività di betting, un requisito fondamentale per poter installare gli apparecchi. «I soggetti che effettuano l'esercizio delle scommesse (compresi i  "corner") possono installare apparecchi da divertimento ed intrattenimento in presenza della licenza di polizia», ricordano i giudici della Seconda sezione civile. Una previsione contenuta nel testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, il cui scopo è quello «di impedire l'utilizzo di apparecchi in luoghi non sottoposti ai prescritti controlli di polizia». I giudici in questo caso hanno ritenuto irrilevante il fatto che il bookmaker estero a cui il centro era collegato fosse stato escluso in maniera illegittima dalle gare per le concessioni. Tale questione, vagliata anche dalla Corte di Giustizia Ue, riguarda «il diverso profilo della raccolta di scommesse», ma non la presenza di apparecchi da gioco all'interno dei ctd. In questo caso «non entra in gioco l’attività di intermediazione posta in essere per conto di un bookmaker straniero», ma l'installazione di apparecchi. «Non si è al cospetto di un’attività svolta in sinergia con un società straniera, ma di un’attività interna, soggetta, come tale, alle autorizzazioni e ai controlli prescritti dalla normativa nazionale», conclude la Cassazione.
LL/Agipro

Foto credits Blackcat CC BY-SA 3.0 IT

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password