Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/02/2023 alle ore 20:45

Attualità e Politica

14/12/2022 | 10:11

Operazione “Purple Rain” di Adm e Procura di Ravenna: 1800 schede slot sequestrate, recuperato Preu evaso per 2,7 milioni

facebook twitter pinterest
Operazione “Purple Rain” di Adm e Procura di Ravenna: 1800 schede slot sequestrate recuperato Preu evaso per 2 7 milioni

ROMA - Dodici milioni di euro di imponibile non dichiarato, per complessivi 2,7 milioni di euro circa di Preu evaso e già recuperato: è il risultato dell'operazione Purple Rain e delle indagini condotte con la partecipazione di circa 100 Ufficiali di polizia giudiziaria dell'Agenzia Accise, dogane e monopoli sotto il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ravenna.

 L’indagine - si legge in una nota di Adm - "ha anche coinvolto uno dei concessionari di Stato in materia di gioco per mezzo degli apparecchi ex art. 110, comma 6°, di cui al R.D. 18 giugno 1931, n.773 (Tulps). L’Agenzia, nel riscontrare possibili anomalie in alcune trasmissioni contabili inviate al sistema di ingegneria centrale di controllo rispetto alle giocate ritenute realmente eseguite, ha effettuato successivi controlli. Le operazioni tecniche, realizzate direttamente su apparecchi dislocati presso alcuni esercenti ubicati in Friuli Venezia Giulia, confermavano la presenza di irregolarità a carico di tali apparecchi, tutti dotati di schede di gioco prodotte e distribuite da una ditta con sede a Sant’Agata sul Santerno (Ra)".

Successivamente, la Direzione Giochi – Ufficio Controlli Giochi ha incaricato l’Ufficio dei Monopoli per l’Emilia Romagna di predisporre un’attenta verifica su questa tipologia di apparecchi, dando così l’impulso all’operazione, denominata “Purple Rain” alla luce del nome di una delle schede di gioco presenti negli apparecchi che avevano registrato anomalie.

L’Ufficio dei Monopoli per l’Emilia Romagna ha dunque rapidamente proceduto al "sequestro di circa 1800 schede di gioco, principalmente distribuite sul territorio emiliano-romagnolo, ma anche in regioni limitrofe quali Veneto, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Toscana e Marche. Le schede sono risultate tutte di proprietà di una società che gestiva circa 6.000 apparecchi installati presso molteplici esercizi commerciali al dettaglio su gran parte del territorio nazionale", si legge ancora nella nota di Adm.

NT/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password