Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 19/02/2018 alle ore 19:33

Ippica & equitazione

26/01/2018 | 17:39

Ippica: all’Ippodromo Snai La Maura, Tinto si aggiudica il Premio Iglesias

facebook twitter google pinterest
Ippica Snai La Maura

ROMA - All’Ippodromo SNAI La Maura di Milano convegno del venerdì pomeriggio sotto la pioggia e su un terreno pesante. Attenzione concentrata sulla chiusura, ovvero sul Premio Iglesias che - si legge in una nota - aveva la maggiore dotazione rispetto alle altre sei prove e che, tecnicamente, appariva come la piu’ interessante. Una prova sui 1650 metri per cavalli di cat. C in cui Tinto ha risolto la contesta sfilando in breve e senza eccessiva spesa sull’accondiscendente Rilke Laumar e permettendosi un primo chilometro tranquillo in 1’16”5. Per il cavallo allenato da Alessandro Pieropan e affidato ad Antonio Greppi non e’ stato difficile cambiare ritmo nel finale e completare il percorso d’avanguardia, a media di 1’14”5. Alle sue spalle Something, terzo dal via filtrando bene dalla seconda fila, ha usufruito di un varco interno in retta e ha rimontato per il secondo posto Rilke Laumar, poi distanziato dall’ordine di arrivo per un danneggiamento al termine della curva finale ai danni di Ubi Jet. Terzo l’atteso Sugar Rey, in scia a Ubi Jet, presentatosi cattivo in terza ruota ai 350 finali ma incapace di perseverare in retta.

Ma la giornata milanese era iniziata con il Premio Glow di Jesolo e con i Gentlemen in sediolo a cavalli di quattro anni. Al comando con Vaio dei Veltri, Antonio Vitiello si e’ potuto permettere un primo chilometro “turistico” in 1’22”4, ma nel finale il favorito non e’ riuscito a sottrarsi allo speed dell’appostata Viola, Fabio Marchino in sediolo per il training di Lorenzo Besana, che in zona traguardo e’ passata di misura ma chiaramente svettando a media di 1’19”5. A intervallo Vintage Tur e’ venuto a battere Vitamina per il terzo posto, mentre Viky degli Ulivi ha compromesso la sua performance con un errore iniziale ripetuto poi in retta quando pero’ era in corsa solo per un piazzamento marginale.

Premio Noble Bustle con due piazze d’onore con Zigano ha onorato il ruolo di favorito centrando alla terza uscita la prima vittoria della carriera. Il portacolori della scuderia Louisiana, guidato e allenato da Andrea Guzzinati, si e’ proposto deciso ai lati del leader iniziale Zajron Spritz passando al comando dopo 400 metri veloci (28”2), ha gestito il ritmo per tornare ad allungare nel finale e in retta, pur non brillantissimo di meccanica, ha controllato il tentativo di Zelinda Roc a media di 1’15”4, nuovo personale. L’appostato Zajron Spritz ha invece peggiorato l’azione sulla piegata finale ed e’ sbottato di galoppo all’ingresso in retta. Al terzo posto ha chiuso Zalabar Men, mentre l’atteso Zephyrus Gm ha sbagliato nelle fasi iniziali.

Femmine di 4 anni a confronto sui 1650 metri per il Premio Forever Kemp e match annunciato tra le ex compagne di allenamento Venus Kronos e Venere degli Dei, quest’ultima arrivata da pochissimo nelle scuderie di Mauro Baroncini. Il match e’ sfumato al via perche’ la neo portacolori della scuderia S.k.c. non ne ha voluto sapere di allinearsi regalando tantissimi metri al via. Venus Kronos, che Alessandro Gocciadoro ha affidato a Roberto Vecchione, dopo partenza prudente ha risolto la partita superando di forza con un parziale superiore al chilometro la battistrada Vitesse Play, limitandosi a controllare la situazione una volta passata al comando e arrivando a tagliare il traguardo a media di 1’14”5. Vitesse Play ha mantenuto il secondo posto su Venusia, mentre Venere degli Dei ha concluso a intervallo al quarto posto, dopo recupero in cui ha mostrato il suo ottimo potenziale.

 

Nell’altro turno riservato ai tre anni, per il Premio Noble Hustle, bella vittoria di Zia Teresa con Roberto Vecchione al bis immediato e ancora in veste di catch driver per conto di Massimiliano Castaldo. La portacolori di Marco Castaldo e’ partita dalle ultime posizioni ai 600 finali, ha superato tutto il gruppo raggiungendo sull’ultima curva Zahara e Zita Errenne, che erano passate in coppia ai 400 finali scavalcando la leader iniziale Zuvetie Cc Sm, e in retta si e’ staccata dalle rivali per centrare una prima interessante vittoria a media di 1’17”8. Bene anche Zahara, all’esterno scoperta sin dal via e ancora in quota sino in fondo, mentre Zita Errenne dopo bella progressione ha sbagliato in retta: la volata per il terzo posto e’ stata risolta da Zara Risaia Trgf.

Bel testa a testa tra i due compagni di training Raptor Amnis, con Roberto Vecchione, al terzo successo di fila del pomeriggio, e Thor Gual nella “reclamare” sui 1650 metri per il Premio Brighton Lobell, Thor Gual ha trovato al via l’opposizione di Urian, Raptor Amnis invece e’ riuscito a sfondare dopo 600 metri violentissimi (42”7) guadagnando un vantaggio tattico rivelatosi decisivo. Thor Gual si e’ ripresentato ai 500 finali e ha provato a mettere sotto pressione il rivale, che pero’ ha risposto bene sino in fondo, anche se Roberto Vecchione ha dovuto tenerlo tutto su una guida, ma il cavallo di El Mouloudi Taldaui ha fatto comunque registrare un gran bel riferimento cronometrico (1’13”9). Accomunato negli elogi anche Thor Gual, che ha partecipato allo strappo iniziale ed e’ rimasto vitale fino in fondo. Per il terzo posto sono terminati in linea Ursus Tft, Urian e Unsurpassable, con il primo emerso al fotofinish sui due rivali.

Nella penultima corsa del convegno di venerdi’ all’Ippodromo SNAI La Maura, per Premio Noble Traveler, vittoria del favorito Slataper nella prova sui 1650 metri per cavalli di cat. F. Il cavallo di Andrea Sarzetto, con Manuel Pistone in cabina di regia, ha conquistato facilmente il comando arrivando a completare il primo chilometro, dopo il parziale iniziale, in 1’15”7 e nel finale, seppure con qualche brivido di troppo, ha controllato l’affondo di Sir Corby, che se non fosse stato scavalcato nella fase iniziale da Taio Cruz avrebbe potuto rendersi ancora piu’ insidioso. Principe di Fuoco ha rinunciato al lancio e ha corso di rimessa, finendo bene nel finale ma in tempo solo per battere Taio Cruz per il terzo posto.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

Scarica l'app dallo store

Scarica
chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password