Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 25/10/2020 alle ore 19:32

Ippica & equitazione

04/09/2020 | 14:43

Ippica, l'8 settembre protesta del Gruppo Ippodromi Associati contro il Mipaaf: "Ritardi inspiegabili nei pagamenti, così è impossibile continuare l'attività"

facebook twitter google pinterest
ippica mipaaf gruppo ippodromi associati

ROMA -  Le società di corse aderenti al Gruppo Ippodromi Associati martedì 8 settembre, alle ore 11,00, hanno organizzato una manifestazione di protesta nei confronti del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che si svolgerà in Roma, via XX Settembre, davanti la sede del Ministero. 

Come si legge in una nota, il Gruppo Ippodromi Associati intende evidenziare e rendere pubbliche le gravi inadempienze del MIPAAF. Il Ministero non adotta, nonostante gli obblighi di legge e gli impegni assunti, il Decreto Direttoriale attuativo del D.M. 4701 del 6 maggio 2020, che è necessario per la determinazione delle remunerazioni 2020, spettanti alle società di corse per i servizi richiesti e pretesi dal medesimo Mipaaf. 

Il Ministero non rispetta gli impegni assunti negli Accordi provvisori sottoscritti con le singole società di corse rendendosi moroso nel pagamento degli acconti 2020 in esso previsti. Pertanto, nel corrente anno, le società non hanno ricevuto alcun pagamento nonostante i servizi ad oggi già resi, né conoscono l’ammontare della remunerazione complessiva per l’anno 2020 in relazione all’attività svolta e da svolgere. 
La struttura amministrativa del Ministero ha piena contezza della situazione ma, ciò nonostante, ritarda inspiegabilmente l’adozione di un atto dovuto per legge e per contratto. 

Detto ritardo casualmente coincide con un progetto di riforma del settore, tentato in un emendamento al Decreto Semplificazioni, che è stato poi ritenuto inammissibile dalla competente Commissione Parlamentare. 
Il ritardo nell’emanazione del Decreto Direttoriale previsto dal D.M. 4701/2020 e il mancato pagamento delle spettanze hanno generato una grave tensione finanziaria che, di fatto, rende impossibile la continuazione dell’attività di organizzazione delle corse negli ippodromi e potrebbe determinare irrimediabilmente il collasso del sistema con effetti devastanti sull’occupazione del settore (oltre 50.000 addetti) e sul benessere dei cavalli. 

Le società di corse, a seguito degli effetti degli inadempimenti del MIPAAF, sono state costrette a chiedere al Ministero lo spostamento a data da destinarsi delle giornate di corse in calendario dal 9 settembre fino alla data di emanazione del suddetto Decreto Direttoriale, con conseguente sospensione della dichiarazione dei partenti. Lo spostamento è stato richiesto anche per evitare la perdita del montepremi a tutela degli interessi delle categorie del settore.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

equitazione csio vilamoura

Equitazione, convocati gli azzurri per lo Csio di Vilamoura

23/10/2020 | 18:39 ROMA - La Federazione Italiana Sport Equestri ha convocato oggi i binomi che rappresenteranno l’Italia in occasione dello CSIO3* in programma a Vilamoura, in Portogallo, dal 16 al 19 novembre. A comporre il Team Italia, guidato...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password