Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 03/12/2022 alle ore 21:06

Attualità e Politica

21/11/2022 | 17:25

Abodi all'Adnkronos: "Mondiali senza Italia un gran dolore, Euro 2032 candidatura credibile"

facebook twitter pinterest
Abodi all'Adnkronos: Mondiali senza Italia un gran dolore Euro 2032 candidatura credibile

ROMA - "La mancanza della maglia azzurra ai mondiali" del Qatar 2022 "è un vuoto incolmabile: penso ai bambini e alle bambine. Noi siamo cresciuti con la maglia azzurra ai Mondiali e agli Europei. L'assenza della nostra Nazionale è legata ad eventi incidentali, per due calci di rigore....non si giudica un giocatore, ma è evidente che quei due rigori hanno segnato, come successo agli Europei, in una sorta di compensazione della fortuna, la nostra assenza in Qatar. Quelle generazioni che stanno crescendo senza Italia ai Mondiali spero che possano recuperare un motivo di attrazione per seguire il gioco più bello del mondo, senza nulla togliere alle altre discipline". Così il ministro per lo sport e i giovani Andrea Abodi in una intervista all'Adnkronos. Il mondiale del Qatar, secondo Abodi "è anomalo, originale, forse irripetibile. Il fatto che, per ragioni che non spetta a me giudicare, venga organizzato anche spaccando in due la stagione sportiva, dei campionati in particolare europei a partire dalla nostra Serie A, testimonia un po' l'unicità di questo evento, con tutto quello che si porta dietro in termini di rispetto dei diritti umani e di vittime civili nelle costruzione degli stadi”.

Una riflessione sul ct Mancini e sul progetto giovani della Nazionale: "Non credo che all'improvviso siamo passati dal tetto d'Europa – sottolinea Abodi - a qualcosa di decisamente più critico e meno nobile. Ho apprezzato molto il tentativo del ct Mancini di andare a pescare nelle Primavera. Abbiamo bisogno di fiducia anche andando dove non si danno opportunità. Sembra paradossale che nelle Primavera quasi tutte le squadre abbiano un organico pieno di stranieri, io incentiverei una primavera prioritariamente nazionale, con qualche innesto di stranieri e non viceversa", ha commentato Abodi, che prosegue: "In Serie A c'è la libera scelta dei club, che devono valutare sulla base dei rispettivi obbiettivi, ma vorrei ci fossero politiche di maggiore incentivazione alla valorizzazione del talento nazionale anche andando ad individuarlo. Facciamo giocare in U20 e U21 giocatori che in altri Paesi giocano in prima squadra, in Champions League e nella nazionale maggiore. Dare più spazio ai giovani anche rischiando qualcosa. Bisogna anche dar loro il tempo di crescere e maturare. Il nostro Paese vuole tutto e subito. Non possiamo pensare di avere una nazionale vincente e anche giovane, solo sperando che accada qualcosa di miracoloso, dobbiamo avere pazienza", ha aggiunto Abodi.

L'Italia è candidata per gli Europei di calcio del 2032 e non vi è dubbio sul fatto che il nostro Paese sappia gestire i grandi avvenimenti, lo dimostra la fitta agenda degli ultimi anni: "I grandi avvenimenti? Ogni Paese deve avere una agenda sulle infrastrutture. Ho sempre pensato che avrebbe qualificato un dossier di candidatura, ma sono arrivato alla conclusione che si possa, con delle sfide future come Euro 2032, accelerare il processo di infastrutturazione che non riguarda solo il calcio", ha detto il ministro all'Adnkronos. "Andrei anche in giro per il mondo per capire cosa sta generando, il padel è un esempio emblematico. Dobbiamo accorciare i tempi nell'appuntamento con il futuro. Lo abbiamo visto con gli eSports. Ben vengano gli stadi, faremo quello che c'è da fare per rendere la candidatura del 2032 competitiva, ho firmato lettera di supporto alla Figc. Faremo di concerto con altri ministri, sotto la regia del presidente Meloni, le nostre scelte per mettere in condizione questa candidatura di essere credibile rispetto a dieci anni fa", ha sottolineato Abodi.

RED/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password