Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 07/12/2021 alle ore 20:55

Attualità e Politica

18/11/2021 | 10:40

Convegno I-com, Minenna (Adm): “La pandemia ha spostato gioco verso online e illegale, ora regole chiare”

facebook twitter pinterest
Convegno I com Minenna Agenzia Dogane e Monopoli La pandemia ha spostato gioco verso online e illegale ora regole chiare

ROMA - «La pandemia ci dice che il gioco si è spostato verso l'online e verso l'illegale: questo è dimostrato dai numeri. Adm ha fatto molto, riattivando il comitato Copregi e svolgendo controlli e chiusure su centinaia di punti. Abbiamo scoperto sale vestite da gioco legale, che contavano su un’apparenza di legalità: magari hanno anche falsificato gli scontrini utilizzando il vecchio logo Adm e anche per questo abbiamo rinnovato tutta l’immagine dell’Agenzia. In queste settimane faremo ulteriori operazioni di contrasto». Lo ha detto Marcello Minenna, Direttore Generale dell’Agenzia dogane e monopoli, durante il webinar “Oltre le incertezze. Verso il riordino del settore legale”, organizzato dall’Istituto per la Competitività. Secondo Minenna, illegalità e malavita si sono organizzate sfruttando la stratificazione normativa: «Persino le macchine comma 7 sono state utilizzate per giocate illegali: l’enforcement è fondamentale ma serve una regolazione valida per disciplinare il settore». Tante sono le questioni che affliggono il comparto, che ha rilevanza per il settore erariale e occupazionale: «La domanda di gioco è anelastica, chiudere gioco non risolve il problema quindi c’è bisogno di regolazione. Dobbiamo sfruttare al meglio anche la tecnologia, tenendo sempre conto di elementi come privacy, ordine pubblico e sanità. La tessera sanitaria, ad esempio, è davvero una soluzione per accesso a sale? E’ possibile creare soluzioni virtuose per far sì che il gioco non sia una patologia o crei criticità di vario genere. Occorre coraggio, lo Stato invece sta decidendo con eccezioni o per proroghe. Occorre riorganizzare il settore coinvolgendo l’industria, che è il primo ostacolo all’illegalità». Minenna ha sottolineato inoltre che «la gara online (40 concessioni a 2,5 milioni l’una, ndr) qualche tempo fa poteva essere compatibile con il contesto, adesso va ripensata. Altrimenti, senza regolamentazione dei conti o dei residenti all’estero, causeremo lo spostamento verso l’illegalità dei giocatori. So che l’app Gioco sicuro non è piaciuta a tutti, però è una cosa sana: i cittadini ora possono essere informati e anche l’Agenzia può apprendere informazioni e notizie utilissime».
NT/Agipro

 

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password