Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 14/08/2018 alle ore 17:46

Attualità e Politica

30/07/2018 | 15:25

Decreto Dignità, Rostan (LEU): "Divieto di pubblicità è insufficiente, serve testo unico sui giochi"

facebook twitter google pinterest
Decreto Dignità Rostan pubblicità giochi

ROMA - La materia del gioco «va completamente riscritta». Lo ha detto Michela Rostan (LEU), intervenuta in Aula alla Camera nel corso della discussione generale sul decreto Dignità. «Era necessario, da parte del Governo, costruire un piano complessivo, che nel tempo, facendo gradualmente fronte alle mancate entrate fiscali, portasse a un testo unico sul gioco d'azzardo, che intervenisse con decisione sulla materia, nella direzione della tutela dei cittadini, soprattutto di quelli più deboli. Invece, in questo decreto Dignità, ci si limita a vietare ogni forma di pubblicità, peraltro in modo differito nel tempo, molto parziale», spiega. «Mi sembra una misura da considerare nella migliore delle ipotesi blanda, insufficiente e inadeguata, rispetto all'enorme portata della questione. Inoltre, con lo stesso provvedimento, si aumentano le tasse su slot machine e videolottery: una contraddizione stridente, un curioso paradosso che segna, secondo me, una certa confusione politica e anche culturale sul tema, di cui evidentemente non si ha adeguata conoscenza», conclude.
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password