Agipronews

Hai dimenticato la password?

Ultimo aggiornamento il 12/12/2018 alle ore 11:33

Attualità e Politica

31/07/2018 | 11:01

Decreto Dignità, Ungaro (PD): "Divieto di pubblicità inefficace contro la dipendenza da gioco, serve approccio organico"

facebook twitter google pinterest
Decreto Dignità Ungaro PD gioco pubblicità

ROMA - «In termini di lotta al gioco d'azzardo si poteva fare molto di più: è giusto agire per combattere» la dipendenza, ma «occorreva andare oltre il solo divieto della pubblicità» che «sembra una misura cosmetica, dato che la pubblicità degli apparecchi da divertimento - il settore di gran lunga più problematico - è prossima allo zero». Inoltre, «in assenza di un approccio più organico di contrasto al fenomeno, il solo divieto della pubblicità rischia paradossalmente di favorire il gioco d'azzardo illegale, dato che quello legale non avrà più modo di promuoversi, di distinguersi dagli operatori illegali». Lo ha detto Massimo Ungaro (PD), intervenuto in Aula alla Camera nel corso della discussione generale sul decreto Dignità. 
Il testo «è migliorato notevolmente in Commissione anche grazie agli emendamenti del Partito Democratico, con l'istituzione del monitoraggio nazionale e di una banca dati proposta dall'onorevole Carnevali e l'introduzione, con l'emendamento Ascani e Fregolent, di lettori elettronici di tessere sanitarie su ogni dispositivo di gioco, per impedire l'accesso ai minorenni», ma «si poteva andare ben oltre, si sarebbe potuto permettere alle famiglie di chi è affetto da azzardopatia di accedere al fondo antiusura del MEF, coinvolgere gli enti locali nella gestione di progetti di sostegno e recupero degli azzardopatici, aumentare le risorse del fondo per il gioco d'azzardo patologico, introdurre formule di avvertimento, come con i pacchetti di sigarette o proibire l'apertura di sale da gioco in prossimità di scuole o strutture sanitarie».
MSC/Agipro

Breaking news

Ti potrebbe interessare...

x

AGIPRONEWS APP
Gratis - su Google Play
Scarica

chiudi Agipronews
Accesso riservato

Per leggere questa notizia occorre essere abbonati.
Per info e costi scrivere a:

amministrazione@agipro.it

Sei già abbonato?
Effettua il login inserendo username e password